Utente 309XXX
Buongiorno,

sono un "runner" 47 enne che dopo qualche anno volta ha sperimentato per la prima volta un dolore al tallone che ha tutti i sintomi di una fascite plantare, forse scatenata da un allenamento fatto con scarpe usurate invece delle solite. Da allora sono passati dieci giorni in cui il dolore, inizialmente acuto e persistente, è totalmente scomparso, sia alla pressione della mano che nel camminare.
La domanda che pongo è quando tempo aspettare ancora, prima di riniziare con la corsa. Non mi è stato infatti possibile ottenere una visita medica ortopedica prima di altri dieci giorni e vorrei capire se posso fare un tentativo di corsa prima. So che la prudenza non è mai troppa, ma vorrei anche tenere il periodo di inattività più corto possibile
Grazie in anticipo per ogni suggerimento.
[#1] dopo  
Dr. Andrea Angelini
24% attività
16% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Gentile utente,
la fascite plantare rappresenta un evento infiammatorio acuto esacerbato da una attività insolita (come ha ben descritto può dipendere da una corsa con calzature non idonee).
Il riposo con il piede in equinismo rappresenta sicuramente il primo step di trattamento associato eventualmente a trattamenti antinfiammatori locali.
E' una problematica un po' insidiosa, perché è così facile ad accendersi, per quanto risulta lunga la scomparsa dei sintomi.
Se il dolore è completamente scomparso, inizierei con una attività meno traumatica della corsa (ad esempio bicicletta o nuoto) per 5-6 giorni per mantenere il tono muscolare senza sovraccaricare la regione plantare e passare poi progressivamente alla corsa (con scarpe adeguate e su terreno morbido). Attenderei complessivamente 10-15 giorni da oggi prima di tornare a fare running su pista o asfalto.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 309XXX

Iscritto dal 2013
Chiarissimo, grazie