Utente 853XXX
Salve,

Vorrei avere delle informazioni in merito al'ultima diagnosi effetuata a causa di alterazione della pressione in modo anomalo, riporterò in seguito il referto del cardiologo.

Lo stato clinico accertato è che:
Sono una persona che soffre di Ipertensione endoculare ed insufficienza venosa arti inferiori.

Il primo controllo effettuato in data 17/10/2006 riportava i seguenti dati:

ECG: Ritrmo sinusale FC 59bpm. Tracciato nella norma.
E.O. PA 160/100 presenza di soffio sistolico dolce alla punta ed eiettivo alla base di gradi 1-2/6. Buon compenso emodinamico.

Terapia: Micardis 80mg. 1cp. al di Cardioaspirina 1cp. al pasto principale.

Dal 2006 al 2007 i controlli risultavano nella norma.

Nell'ultimo periodo sto avendo nuovamente dei disturbi di pressione alta, dal controllo effettuato il 09/10/08 il risultato è il seguente:
ECG: Ritmo sinusale FC 63bpm. Lievi anomalie della fase di ripolarizzazione in sede anteriore.
E.O. PA 140/90 Buon compenso emodinamico.

Aggiunta alla terapia attuale: Norvasc 5mg 1/2cp. Al pomeriggio.

--

Vorrei capire cosa vuoldire l'ECG dell'utimo controllo, ovvero non capisco il significato di "Lievi anomalie della fase di ripolarizzazione in sede anteriore.".

Vi ringrazzio per l'attenzione,
Distinti Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la dicitura "lievi anomalie della fase di ripolarizzazione in sede anteriore" non è indicativa di alcuna particolare patologia cardiaca, è solo una descrizione del suo tracciato elettrocardiografico che risulta lievemente anomalo (come spesso avviene nei soggetti ipertesi).
Se tali anomalie non si riscontravano nel tracciato precedente è prassi praticare anche un esame ecocardiografico ed un test da sforzo, onde diagnosticare in maniera più precoce un eventuale danno cardiaco indotto dallo stato ipertensivo (soprattutto per Lei che già presenta una ipertensione endoculare).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
Salve,

Grazie per la pronta risposta, le riporto l'ultimo esame ecocardiografico del 30/06/2008:

Ventricolo sinistro di dimensioni normali con nomrmale cinesi globale e segmentaria ipertrofia del siv basale (12.8cm). Sclerosi dell'anulus mitralico..atrio sinistro di dimensioni normali. Aorta di calibro regolare alla radice ed in ascendente con normale apertura valvolare ma lembi ispessiti.. sezioni destre normali. polmonare normale. cava e sovraepatiche di calibro regolare. aorta addominale ed arco di calibro regolare al doppler: pattern mitralico da alterato rialsciamento. im e ia lievi.


Incorro in qualche rischio? E' consigliabile ripetere l'analisi ?

Grazie per l'attenzione,
Distinti Saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, l'esame ecocardiografico risulta recente ed in genere va ripetuto almeno una volta l'anno. Dalla lettura dei dati, risulta un lieve ispessimento (ipertrofia) del setto interventricolare che è una spia iniziale di danno cardiaco indotto dallo stato ipertensivo. Tale anomalia può essere reversibile con una adeguata terapia. Allo stato pertanto si rende quanto mai utile un test da sforzo, onde valutare meglio i valori pressori (sotto terapia) che eventuali segni di ischemia miocardica (attualmente cmq non presenti all'ecocardiogramma).
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
Salve,

Sotto suo consiglio (ed accettazione del mio cardiologo) ho effettuato il Test da sforzo.

La conclusione riporta:
Prova interrotta a 72Watt per esaurimento muscolare, PA-140/90, FC 126bpm. (84% FC MAX.) NON ANGOR, NON ARTIMIE, NE' VARIAZIONI TRATTO ST-T.
Prova negativa SUB-massimale per ischemi a indotta da stress.

La terapia è rimasta:
Micardis 80mg Cardioaspirina e norvasc 5mg. 1/2

--

Va bene la terapia che ha prescritto il cardiologo?

Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Dato i valori confortanti ottenuti durante il test da sforzo, può continuare tranquillamente con tale cura.
Saluti
[#6] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dr. Martino,

L'aggiorno sull'andamento della situazione.

Dato che da una settimana non mi sentivo molto bene, mi svegliavo con la pressione alta (in media 180/91) e quando passeggiavo, avvertivo un affaticamento al cuore, come fosse un oppressione sul cuore.

Nell'esame risulta.

Al controllo odierno riferisce e mostra emedmi arti inferiori.
ECG: Ritmo sinusale FC 70bpm. ANomalie dell'Atriogramma.
E.O.: PA 140/80 Buon compenso emodinamico.
Si consiglia si sostituire il norvsc con Prelectal 5mb /1.2mg 1cp al dì.

Io ho chiesto alla mia cardiologa cosa fosse e lei per non farmi preoccupare mi ha risposto "Non è nulla, si riposi e non si affatichi".

Vorrei sapere se è un qualcosa da preoccuparsi oppure era solo impressione mia il comportamento della cardiologa?

La ringrazio per l'attenzione.
Distinti Saluti
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la comparsa degli edemi declivi possono essere stati secondari all'utilizzo del calcio-antagonista, poi sostituito dalla collega con un farmaco di combinazione (ACE-I e diuretico), che però in linea teorica non viene in genere associato al sartanico (micardis) che lei sta già assumendo. Evidentemente si tratta di una terapia provvisoria che poi le verrà successivamente modificata alla scomparsa del gonfiore alle caviglie.
Saluti
[#8] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
Salve,

La ringrazio per la pronta risposta, mi domandavo dato che il prossimo controllo sarebbe tra 5 mesi, posso assumere il Micardis 80mg, Prelectal 5mg / 1,25mg e Cardioaspirin 100mg ?

Non vorrei che la dott.sa si sia sbagliata con le tempistiche dato che non penso che 5 mesi siano un periodo breve.

Inoltre la informo che da un ECO COLOR DOPPLER alle Arti Inferiori Arteo-Venoso (la mia dott.sa è informata a riguardo) il gonfiore alle gambe è dovuto a:

Dilatazione ed incontinenza bilaterale delle safene interne.
Assenza di patologie Extra Safeniche.

Pervietà bilaterale degli assi Aorto-Iliaci e Femoro-Poplitei.
Pervietà degli assi distali.

Non si riscontrano a carico degl iassi esaminati alterazioni morfoloiche o emodinamiche degne di nota.

L'esame ad alta risoluzione mostra un quadro compatibile con liopo linfedema.

Reperto Flussimetrico congruo.

----

La ringrazio per l'attenzione,
Distinti Saluti
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, non conoscendola, non posso stabilire on line sul quando lei debba fare i suoi opportuni controlli. Se vi sono modifiche del suo stato di salute faccia comunque capo alla collega.
Saluti