Utente 118XXX
Gentili medici.
vorrei esporvi il problema presentato da mia madre 80 enne,costituzione magra, che soffre di diabete lieve con valori leggermente oltre la soglia.Da sempre infatti soffre di calli e duroni ai piedi,che ultimamente aggravitisi le impediscono di camminare bene.Consultato un podologo questi aveva prescritto una cura a basi di unguenti cui sarebbe dovuta successivamente una levigatura del durone o qualcosa di similare.Leggendo per caso il foglietto illustrativo ci si accorge della menzione di non usare in caso di diabete.Consultato il medico di famiglia questi ci sconsiglia sia il tipo di terapia che qualunque intervento anche minimamente invasivo sul piede (per evitare il rischio di ulcere etc)visto il diabete di cui il podologo non era al corrente,consigliando invece rimedi estemporanei tipo calzature etc.Voi che ne pensate?Le cure e interventi podologici sono sconsigliati in caso di diabete oppure si possono attuare lo stesso?Quali altre alternative potrebbero fare al caso?Grazie per l'interessamento.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Anselmo Tuttolomondo
24% attività
12% attualità
0% socialità
AGRIGENTO (AG)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
in caso di persona diabetica nell'arco degli anni si instaurano delle complicanze che possono essere sia micro che macroangiopatiche andando a colpire vari distretti. Manca il dato da quanto tale paziente e ' diabetico e se nell'arco degli anni e' stata scompensata oppure no. Detto questo il caso e' da studiare per vedere le condizioni dell'albero arterioso periferico in questo caso agli arti inferiori per esmpio con un eco-color-doppler. Fatto questo se non vi sono stenosi emodinamicamente significative si puoì optare per delle cure locali. Se la paziente soffre di calli nulla toglie che il podologo puo' darle un aiuto sotto lo stretta sorveglianza del diabetologo ed del chirurgo vascolare.
con osservanza