Utente 105XXX
Gentile Dottore,
Il barbiere rifinendomi i capelli con il rasoio mi ha procurato qualche piccola ferita con fuoriuscita di poco sangue. Ha in seguito pulito con acqua e disinfettato. Il rasoio che ha utilizzato NON era monouso, ma sottoposto a lampada germicida UV. Vorrei sapere se ci sono pericoli per la trasmissione dell'HIV e delle epatiti.
Sul sito del ministero della sanità ho letto che l'uso di rasoi in comune non è a rischio per la trasmissione HIV perché è richiesto un contatto sangue-sangue. Il medico generico mi ha detto che non ho corso una situazione di rischio e non mi ha consigliato ulteriori accertamenti, in quanto il metodo di disinfezione con raggi UV è sufficiente. Nelle 6 settimane seguenti l'episodio non ho avuto nessun sintomo legato alla sindrome simil-mononucleosica. Ho chiesto però un parere su internet (Helpaids.it) e mi è stato risposto che pur essendoci un rischio molto basso, è meglio fare gli esami HIV-ab, HBsAg e HCV-ab.
Sono anche affetto da depressione e fobie per cui assumo antidepressivi ed eseguo psicoterapia, per cui non mi va di rafforzarle ulteriormente con accertamenti continui. Inoltre il mio medico non mi farebbe la richiesta...
Che consiglio mi date tenendo conto anche della mia condizione psicologica ipocondriaca? Devo fidarmi del mio medico e del mio psicoterapeuta o fare accertamenti? In questo secondo caso dovrei anche cambiare medico per il venir meno del rapporto di fiducia visto che mi avrebbe fornito un consiglio sbagliato e pericoloso per la mia salute... Grazie molte.
[#1] dopo  
Prof. Matteo Bassetti
24% attività
0% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2001
Gentile utente,
i rasoi di qualunque tipo essi siano possono rappresentare una potenziale fonte di infezione virale trasmissibile con il sangue.
Concordo quindi con i colleghi sull'opportunità di eseguire dopo almeno due mesi dall'evento il controllo di HIVab, HBCab e HCVab.
Cordiali saluti
Matteo Bassetti