Utente 403XXX
Gentili dottori,

scrivo oggi questa richiesta di consulto nella speranza di poter approfittare della vostra esperienza in ambito farmacologico fare avere un parere a riguardo dell'uso del principio attivo modafinil.

Purtroppo soffro di una leggerissima forma di narcolessia, amplificata da ritmi di studio e lavoro che purtroppo devo tenere alti. Per provare a risolvere questa difficoltà, ho ipotizzato di poter iniziare a fare un uso saltuario di modafinil, che in una sola occasione ho anche provato, e che in effetti ha aumentato il mio stato di veglia e di attenzione. Parlando con un medico di base mi è stato però detto che per ottenerlo dovrò fare un percorso terapeutico, e che se la mia forma di narcolessia non verrà considerata di un livello sufficientemente alto, il percorso non verrà approvato. Inizialmente ho pensato che questo accadesse perché pensavo che il modafinil fosse un farmaco (mi passi il termine) "pesante", ma a quanto pare la realtà è che queste visite sono ferree per via del costo del farmaco stesso, che ho scoperto essere esorbitante. Realtà che mi sembra essere confermata dal fatto che il modafinil sia disponibile in versione galenica anche con semplice ricetta bianca, ma non le nascondo che comunque il timore di assumere, anche saltuariamente, un farmaco potenzialmente robusto mi rimane.

Al lordo di tutte queste considerazioni, quello che le chiedo è: un uso molto saltuario del modafinil su un soggetto che, da un punto di vista terapeutico, probabilmente non risulterebbe soffrire di narcolessia, potrebbe creare problemi? Ho letto che per adesso non vi sono prove a riguardo di effetti collaterali, e che spesso in altri paesi viene dato anche su soggetti non narcolettici per reggere ore di lavoro pesanti, ma si tratta comunque di un farmaco che agisce a livello neurologico.

Grazie per l'attenzione
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente
il modafinil è utile come terapia nella narcolessia ove è ufficialmente indicato, molti altri studi riportano l'uso di modafinil in altre patologie psichiatriche (anche infantili) anche se l'uso del farmaco non è autorizzato per questi disturbi; pertanto l'uso deve essere rigorosamente riservato al trattamento della narcolessia e sotto controllo medico
[#2] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottor Vanucchi,

intanto grazie per la risposta. So che questo farmaco è attualmente utilizzato per via traverse da decine di migliaia di persone in Italia e probabilmente milioni nel mondo o per migliorare le proprie prestazioni intellettive o per reggere ritmi di lavoro importanti. Mi pare che in America sia addirittura venduto senza alcun tipo di prescrizione.

In merito a questa fetta di popolazione che fa uso saltuario del modafinil non per uso clinico (non narcolessia), è vero che non vi sono controindicazioni effetti collaterali tranne la possibilità di alterare il proprio ritmo di veglia-sonno?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Modafinil non è un farmaco "leggero" ma un farmaco che induce vari effetti collaterali di tipo stimolante in particolare per l'apparato cardiocircolatorio e per il sistema nervoso pertanto il suo uso deve avvenire solo sotto controllo medico, tenga presente che si tratta di un farmaco utilizzato anche per motivi di abuso per le caratteristiche "simil anfetaminiche"