Utente 401XXX
Salve dottori,cercherò di essere più preciso possibile. Sono un ragazzo di 33 anni che da 3 anni ha scoperto di essere azospermico. Tutto è iniziato per un piccolo fastidio al testicolo sinistro ho fatto un visita e il dottore ha riscontrato una varicocele di 2 grado.Prima di essere operato ho fatto uno spermiogramma di cui esito era azospermia totale,mi sono operato con la radiologia interventistica.Dopo alcuni mesi ho rifatto altri due spermiogrammi di cui il risultato è sempre stato lo stesso.......azospermia!!!!!dopo un anno mi sono sposato (mia moglie è accorrente di tutto) e la voglia di diventare genitori è immensa e consultando uno specialista ho fatto degli esami interminabili per capire la mia azospermia di che tipo era. Cariotipo maschile normale, esclusione microdelezioni del cromosoma Y,ricerca delle mutazioni causa fibrosi cistica escluse,tutto nella norma tranne: fsh 25,60, LH 12,77 TESTOSTERONE LIBERO 5,3. L unica soluzione per vedere se avevo spermatozoi era quella di fare una biopsia testicolare.A gennaio ho fatto una biopsia testicolare bilaterale, hanno prelevato 3 campioni a destra e 3 campioni a sinistra e il risultato è stato: spermatozoi 2 in tutti i campioni di cui hanno una morfologia nulla e immobili,non utilizzabili per ICSI per tanto non si procede al congelamento..... :-( cari dottori non vi dico la botta al petto che abbiamo accusato......... risultato esame istologico - tubuli in via di regressione, gli elementi del leydig appaiono rari e non ben funzionali in tutto ciò la diagnosi finale è sindrome del sertoli mista. Consultando sempre il dottore mi ha dato una nuova speranza che sarebbe quella di fare una nuova biopsia testicolare e contemporaneamente si dovrebbe preparare mia moglie con delle siringhe ormonali e nella stessa giornata che mi rifaranno la tese se troveranno qualcosa verrà fatta la tecnica. Non è finita qui perchè facendo un controllo di routine ho scoperto di avere un altra volta un varicocele di 2 grado a sinistra.Mi hanno consigliato di operarmi di vericolcele,fare delle cure ormonali e poi procedere con la biopsia.La mie domande sono, è opportuno operarmi di varicocele se devo fare una biopsia??? per la mia condizione clinica è opportuno che io rifaccia una tese?LA SPERANZA è SEMPRE LULTIMA A MORIRE MA BISOGNA ESSERE ANCHE REALISTI........GRAZIE MILLE DI CUORE!!!!!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente
Non so quanto possa migliorare operarsi di varicocele nella sua situazione. Forse, in previsione di una nuova biopsia testicolare, conviene giocarsi tutte le carte. Cioè, data l'età giovane, potrebbe operarsi di varicocele, attendere sei mesi e tentare una nuova biopsia testicolare. Oggi la micro-TESE sembra dare più probabilità di trovare qualche spermatozoo vitale della TESE. Ne parli col suo urologo dato che bisogna trovare il centro dove viene effettuata. In conclusione, un ultimo tentativo lo farei. Mi faccia sapere. A presto
P.S. Un trattamento integrativo con testosterone, se questo non fosse nei limiti di riferimento, potrebbe essere indicato. Provi a parlarne col suo andrologo.