Utente 412XXX
Buonasera Dottore, il 14 Aprile del 2016 sono stato ricoverato x una settimana perché mi sono accorto dalle urine che sono diventate scure e dalla sclera degli occhi che mi si erano ingiallite, e dopo aver fatto le analisi del sangue di aver contratto l'epatite B.
Le transaminasi got e gpt al momento del ricovero erano oltre 5000, la Bilirubina totale a 8 e poi durante la fase acuta è arrivata a 24 e il PT era a 39.
Dai maker virali mi hanno confermato che ero positivo all'epatite B e negativo all'epatite C e all'Hiv.
A distanza di 45 giorni la bilirubina è a 6 il PT a 93 e got e gpt sotto i 160.
Dopo le dimissioni avvenute il 21 aprile mi hanno aperto una cartella in day hospital nel reparto malattie infettive dove mi hanno fatto una miriade di prelievi di vario genere ma nessuna terapia.
Ora dopo questo miglioramento dei valori mi hanno detto che devo ritornare a 3 mesi esatti da quando mi è stata diagnosticata l'epatite, e rifare tutti i prelievi per avere un primo resoconto se si tratta di un infezione acuta.
Volevo chiedere a voi se questa prassi è corretta, e visto che il colorito del viso delle urine e delle feci si è normalizzato, volevo chiedere quanto dura il giallastro negli occhi. (Devo dire che sono migliorati molto adesso ma ancora si intravede il giallo)
In reparto mi è stato detto che può durare anche 2/3 mesi e che rispetto al resto del corpo l'ittero agli occhi passa x ultimo, è così?
Come faccio a sapere se è stata un Epatite B acuta, quali valori devono comparire e quali sparire negli esami che faró a metá luglio?
Grazie e cordiali sraluti.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Scusi dica ai suoi medici che con 5000 di transaminasi e 24 di bilirubina non può che trattarsi di una Epatite Acuta e che è estremamente facile una tale diagnosi.
Tanto più che i parametri sono scesi e si stanno normalizzando.
A tre mesi deve ritornare per vedere come si comporta l'assetto immunitario, in particolare se l'HBs Ag scompare o tende a ridursi e contemporaneamente compare l'HBs AC.
Lo stesso discorso vale per l'HBe Ag che deve scomparire e per l'HBe AC che deve diventare dosabile.
L'esame potrà essere integrato dal dosaggio dellHBV DNA in PCR con metodica quantitativa che deve dimostrare una drammatica riduzione del virus ma che comunque non è un esame indispensabile.
Le sclere gialle compaiono quando la bilirubina totale è > 1,5 - 2 mg/dl.
Peraltro lei non acclude nessun risultato ufficiale per cui più di tanto non posso esprimermi.
Ma che si dubiti di un'epatite acuta mi pare risibile.
Saluti,
Dott. Caldarola.