Utente 412XXX
buongiorno,

ho scoperto di avere una malformazione congenita al rene destro. In sintesi, ho l'inserzione alta dell'uretere (da prima analisi si pensava alla sindrome del giunto) con megapolicalicosi e un calcolo del diametro di circa 3 cm. Lo specialista mi ha fatto fare una scintigrafia renale sequenziale per vedere il reale funzionamento del rene (si pensava che lavorasse al max il 20%). L'esito della scintigrafia è stato invece confortante. Il rene, pur avendo un ritardo nello scarico (che già sapevamo), ha mantenuto la sua funzionalità e quindi ora lo specialista non mi opererà bensì manteniamo controllato il rene e fra 6 mesi faremo un'altra scintigrafia. La mia domanda è la seguente: come si legge la scintigrafia? dal referto, che vi trascrivo di seguito, sembrerebbe che il rene "malato" lavori più di quello sano. Ma come è possibile? Ecco il referto:
FILTRATO GLOMERULARE 96 ml/min (v.n. normalizzato per peso e altezza)
Captazione relativa: Rene sinistro= 44,6% Rene destro=55,4%
CONCLUSIONI: Scintigrafia renale indicativa di funzione renale globale conservata.
Lieve disomogeneità parenchimale in ectasia calico-pielica di grado lieve associata a segni scintigrafici indicativi per patologia di tipo ostruttivo a destra.

come mai le percentuali sono inverse?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se ci conferma che nel rene è presente un calcolo di TRE CENTIMETRI siamo abbastanza stupiti che non siano state date indicazioni alla sua rimozione. Per il resto, si conferma una sostanziale parità nella funzione dei due reni, fatto 100 il totale, gli scarti nell'ordine dei decimi non sono significativi.
[#2] dopo  
Utente 412XXX

Iscritto dal 2016
Grazie per la risposta. Francamente è stata anche la mia domanda ma lo specialista da cui sono in cura mi ha detto che il calcolo non crea impedimento alla funzionalità del rene. Non so che dire... Io non ho disturbi o dolori. La mia unica perplessità è che dalla scintigrafia sembrerebbe che il rene destro (quello con il calcolo e la malformazione) funzione più del sinistro. Come può essere possibile?
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo già detto, la differenza è minima e certamente è inferiore ai livelli di precisione dell'indagine, pertanto la funzione dei due reni è da considerarsi equivalente. Per quanto riguarda la presenza del calcolo, probabilmente vi è qualche elemento che ci sfugge e che spinge il nostro Collega ad un atteggiamento conservativo, altrimenti difficilmente condivisibile.
[#4] dopo  
Utente 412XXX

Iscritto dal 2016
Speriamo... Credo che la motivazione sia semplicemente che lo stesso calcolo non si trova in posizione "delicata" che potrebbe danneggiare ulteriormente la funzionalità del rene. Mi auguro sia così. Grazie mille per il consulto.
[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Tutti gli urologi sanno bene che qualsiasi calcolo, piccolo o grande che sia, in qualità di corpo estraneo ha insita in sè una minaccia che tende inesorabilmente a concretizzarsi prima o poi. Con questo, non vogliamo certo spaventarla, ma come in tutti i casi controversi, sarebbe il caso di andare oltre la semplice "speranza" e magari ottenere un po' di chiarezza in più.