Utente 365XXX
Salve, ho letto già le precedenti discussioni a proposito del problema in oggetto, ma soprattutto per l'età del paziente (mia figlia, 10 anni) la situazione penso possa essere diversa. Abbiamo eseguito un ecocardiogramma color doppler richiesto per una valutazione dovuta ad un TAS alto da mesi (ha raggiunto 1300 U.I.) con questa nota particolare: "normale morfologia e cinesi delle camere cardiache, dei setti e degli apparati valvolari. Pervietà del forame ovale con minimo shunt sin-dx. Arco aortico normale.". Chiedo se la possibilità di intervenire per chiudere il pfo sia applicabile anche a mia figlia, e avendo letto che si tratta di un intervento poco invasivo perchè non chiuderlo eventualmente fin da subito?
Grazie a tutti. Complimenti per la professionalità degli iscritti e del sito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la pervietà del foramen ovale è di comune riscontro nella popolazione generale(il 70% di tutti noi presenta questa anomalia), che va trattata solo in determinate condizioni (ampio shunt, ossia comunicazione tra il ventricolo sin. e il dx, con dilatazione delle camere cardiache e sviluppo di ipertensione polmonare), che fortunatamente non riguardano sua figlia.
Allo stato la condizione va monitorata nel tempo (almeno un'ecocardiogramma tra due anni) senza ansia.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2007
Grazie mille per la risposta. Cordialità