Utente 375XXX
Buongiorno, cortesemente gradirei sapere il significato di quanto esposto nel referto istologico (Parenchima epatico con cirrosi diffusa completa associata a steatoepatite e a focolai di displasia epatocitaria di basso grado; inoltre marcata proliferazione duttulare biliare marginale) ho svolto l'esame per lesione al lobo epatico di sx .
Sempre con lo stesso esame

Notizie cliniche:
K rene operato nel 2015
Meta ? 2° tumore ?
Materiale inviato:
Agoaspirato epatico 'in ecoguida' (Thin Prep).
Descrizione macroscopica:
Perviene 1 vetrino più Thin Prep.
(VF )
Diagnosi:
Materiale ematico frammisto ad epatociti regolari talora dismetrici.
Negativo per cellule tumorali maligne.

Vi ringrazio sin da ora per una eventuale risposta
Fiorentino Giuseppe

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
gentile signore lei ha una corrosi epatica che prende tutto il fegato con displasia di basso grado. significa che le cellule sono molto infiammate con il rischio di trasformazione tumorale (rischio molto basso ma presente). la cosa più seria è la lesione focale al lobo epatico sinistro. infatti anche se l'istologia è negativa (di che dimensioni è il nodulo?) bisogna ripetere l'ecografia con mezzo di contrasto e biopsia non più tardi di altri tre mesi per verificare se cresce e rifare il prelievo istologico per confermare la natura. non tralasci di farlo. in ogni modo si rivolga ad un centro di trapianti di fegato perchè la sua situazione potrebbe richiedere un trapianto.
[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno, intanto la ringrazio per la risposta, il nodulo alla TAC c/contrasto eseguita il 4 maggio 2016 era di 3x2x3 dopo 15 gg alla RMN c/contrasto era di 36mm.
Giorno 28 giugno 2016 ho una visita oncologica presso il Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Secondo lei esistono cure in grado di rallentare la malattia?
Un cordiale saluto
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentilissimo Signore, a Bergamo c'è un bravissimo medico che le può essere veramente utile e che è il Prof. Stefano Fagiuoli. E' sicuramente la persona più adatta a risolvere il suo problema. E' inutile andare da un oncologo, perchè sono gli epatologi che trattano i noduli al fegato in corso di cirrosi. Il Prof. Fagiuoli si occupa di trapianti di fegato e quindi è sicuramente la persona più adatta alla sua situazione. se vuole vada pure a nome mio senza problemi. le cure sono molteplici. per esempio la radiogrequenza per trattare il nodulo è senza dubbio una possibilità efficace. ma per guarire l'unica soluzione se possibile , è il trapianto di fegato.
cordialmente
[#4] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Il Prof. Fagiuoli da una ricerca su internet risulta essere l'attuale responsabile del reparto di gastroenterologia dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
Farò senz'altro il suo nome, grazie per la sua disponibilità.


[#5] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno, con la presente volevo cortesemente informarla che giorno 13 giugno sono stato visitato dal Prof. Fagiuoli.
giorno 21 giugno dovrò rifare la biopsia, la saluta tantissimo.
Cordiali Saluti.

[#6] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Grazie della cortesia
gerunda