Utente 874XXX
salve , sono la mamma di un ragazzo di 18 anni e due piccoli di 4 e 1 anno. Ho 40 anni e da 10 anni combatto contro allergie agli acari e pollini vari con le quali convivo anche se in peggioramento specie quella alla polvere che mi fa stare male solo quando ripiego nell'armadio i maglioni di mio figlio maggiore per il quale oggi vi scrivo. Lui è allergico e asmatico sin dalla tenera eta' ma oggi con la crescita e dopo continue cure di antistaminici cortisonici e broncodilatatori, il problema è piu' focalizzato sulla rinite perenne ...che ovviamente dopo alcuni giorni diventa tracheite per via del continuo gocciolamento retronasale e qualche volta sfocia in asma.. e tutto questo sempre inverno ed estate persino al mare. Le ho provate tutte, otorino allergologo pneumologo......ospedali diversi. poi l'anno scorso proprio in concomitanza con il mio ultimo parto ha avuto un peggioramento...e allora con il bambino di un mese l'ho portato persino in veneto a misurina ma nulla di fatto. Le spirometrie risultavano ottime nonostante mentre le effettuasse tossiva.. ecco lui tossisce spesso e da piccolo era tosse asma equivalente. ora vive praticamente con i fazzolettini sempre in mano naso chiuso ..vi giuro una pena perchè è uno stillicidio mentale unico. Mi sono decisa a scrivervi perchè adesso anche il piccolo di 1 anno alla notte ha problemi di naso chiuso e rinite continua nonostante io gli somministri da un mese il tinset mattina e sera. l'altro di 4 anni soffre di laringospasmo e non vi dico come sto' vivendo mal eal solo pensiero di ripercorrere il calvario che ho trascorso e trascorro con il maggiore. mi sono convinta che il problema sono io ma cosa posso fare ? a mio figlio cambiano continuamente molecola di antistaminico ma nulla....sembra acqua fresca. ho il sospetto che la causa ci sia ma non riusciamo a trovarla..ho provato a suggerire come poter fare a ricercare la causa in qualche alimento ma i vari medici che giro mi dicono che sarebbere da escludere perchè darebbe shok anafilattico. Tra la'ltro gli ultimiesami effettuati con valori normali in quelli di routine generale, emocromo, urine , tiroide nella parte test allergici presentano questo referto: bianco d'uovo, tuorlo, latte caseina , merluzzo arachidi ulivo cipresso parietaria assenzio negativi. gambero 0,11 KUA/I Dermatophagoides 30,1 KUA_/I loglierella 0,40 KUA ..Ovvio che prelave la solita allergia alla polvere . ma cosa posso fare ormai per combatterla e assicurare a mio figlio almeno una settimana di benessere? Sarei disposta ad andare dovunque italia o estero. Se avete bisogno di qualche altra informazione vi prego rispondetemi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
Gentile Signora,
mi rendo conto che il percorso cha ha seguito con le manifestazioni allergiche dei suoi figli è stato intenso. Difficile davvero dare una risposta alle domande che pone, specie in questo momento in cui lo stress contribuisce probabilmente anche a colpevolizzarsi (nel momento in cui scrive "...mi sono convinta che il problema sono io ma cosa posso fare?...").
Comunque, le questioni che mi vengono in mente sono queste, per il suo primo figlio:
1. è stato posto il sospetto di reflusso gastroesofageo o di sinusite (possibili concause della tosse cosiddetta asma-equivalente)?
2. suo figlio è stato sottoposto ad un test di broncoreattività con la metacolina?
Può apparire superfluo ed irritante (e se è così me ne scuso) dire che l'ansia non aiuta a fare chiarezza (perchè scriverlo è semplice ed invece è complesso il passaggio nella realtà di tutti i giorni) ma nell'ambito di una valutazione generale occorre ricordarlo.
Cordiali Saluti