Utente 108XXX
Salve,
mi chiamo Fabio, ho 56 anni e da una recente ecocardiografia ho avuto il seguente risultato: atteggiamento prolassante della valvola mitralica con lieve insufficenza. Vi chiedo se posso continuare l'attività fisica, in particolare corsa di resistenza, che pratico 3-4 volte la settimana per 1 ora al giorno con FC max di 150 batt/min. Preciso che non avverto dolori e fastidi di particolare rilievo ne' a riposo ne' sotto sforzo. Vi chiedo anche se non sia, tuttavia, consigliabile integrare anche un'esame Holter per avere un panorama più completo. Ringrazio anticipatamente e porgo cordiali slauti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Iadanza
24% attività
0% attualità
0% socialità
SIENA (SI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Caro FABIO,
la condizione da te descritta allo stato attuale è benigna.
Puoi Continuare la tua attività sportiva.
Utile l'esecuzione periodica dell'ecocuore ogni 2 anni circa, se rimani asintomatico.
Il prolasso con isuffucienza può favore la comparsa di arimie sopraventricolari isolate o ripetitive, che perltro non segnali. Puoi approfondire con un Holter ECG.
cordiali saluti
Dott. IADANZA
[#2] dopo  
Dr. Giancarlo Sportelli
20% attività
0% attualità
0% socialità
CODOGNO (LO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2005
Caro Sig. Fabio, purtroppo non conosco il motivo per cui ha eseguito un'ecocardiografia. Se l'ha fatta senza un motivo preciso ha raggiunto il risultato che cercava: dubbi! Infatti avere una valvola con ATTEGGIAMENTO prolassante non significa nulla sia dal punto di vista clinico che prognostico, cioe se la valvola prolassa significa che ha movimento anomalo, verrà poi valutato se presenta lembi spessi o fini, quindi se vi è insufficienza mitralica o no. Lei ha ottenuto una risposta per cui la sua valvola non prolassa ma ha un "atteggiamento", non penso sia a lembi spessi perchè se no lo avrebbe segnalato, pertanto penso che lei non abbia proprio nulla ma che sia intrappolato da un esame eseguito forse senza indicazione e che le ha fornito un dubbio. Se lei poi parla di Holter significa allora che forse ha delle aritmie, in tal caso il discorso cambia, ma se lei vuole fare un Holter "per avere un panorama più completo", come lei afferma, rischia di avere ancora più confusione: cosa succede se scopre di avere un centinaio di battiti prematuri aberranti? La saluto cordialmente. Giancarlo Sportelli
[#3] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Caro amico,
ritengo che l'holter possa essere utile in caso di prolasso "sintomatico", ovvero accompagnato da extrasistolia.
Saluti, Ugo
[#4] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
... mi associo agli eccellenti commenti dei Colleghi. Non si fissi su tutti i commenti che spesso vengono fatti e si consulti con il suo Cardiologo di fiducia!

cordialmente

Dr Actis Dato
Torino