Utente 377XXX
Salve,dopo diversi controlli mi è risultata una prostatite batterica in quanto è stato riscontrato un alto numero di MorganellaMorganii nello sperma e nel tampone uretrale.Ho questi disturbi da aprile circa.Inizialmente solo leggeri fastidi alla prostata ma dopo è arrivata anche la pollachiuria che aumenta tra l'altro dopo la masturbazione.Mi è stato prescritto un ciclo di ciprofloxacina 750 mg 20 giorni una compressa al giorno, SerenoaRepens una compressa al giorno per 30 giorni e lenidase idem.Ho rifatto la spermiocoltura e risulta negativa, ma i problemi persistono.Sto provando un rimedio naturale di argentoColloidaleVero e UvaUrsinaComposta ma attualmente anch'essa senza benefici.Mi è stato detto che la mia prostatite è di tipo batterico acuta ma ora mi sta venendo il dubbio visto che debellando il batterio continuo ad avere questi fastidi.Vorrei se è possibile una diagnosi più precisa e una soluzione per risolvere questa pollachiuria e questa infiammazione prostatica.Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro utente,
capisco il suo desiderio, ma ci troviamo su una postazione multimediale che può solo orientare il paziente; assolutamente non siamo in grado da qui di porre un diagnosi.
In linea generale voglio dirle, però, che le prostatiti, specie se di una certa importanza, possono avere una "coda" sintomatologica che può durare per un po di tempo.
Contatti il suo urologo e gli ponga il problema, infatti spesso è necessario associare una terapia antinfiammatoria, oltre che fitoterapica.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 377XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore, una terapia antinfiammatoria l'ho già provata con medifluss e lenidase che prendevo insieme all'antibiotico, o forse lei si riferisce ad altri tipi di medicinali? Un andrologo mi ha consigliato il vesomni una compressa al giorno per 30 giorni, lei che ne pensa? Non voglio che mi prescriva una terapia ci mancherebbe, ma semplicemente confrontare il parere di due specialisti diversi ed eventualmente seguire i suoi consigli sempre dietro consenso dell'urologo che può seguirmi da più vicino. Grazie in anticipo.