range  
 
Utente 821XXX
Buonasera,
oggi ho eseguito gli esami ematici di routine.
Tutto nella norma tranne :
LDH 534 (150-460)
CPK-MB 33 (5-25)
CPK-NAC 168 (24-175)
L'analista mi ha detto di parlare con il cardiologo che .... meritatamente è in ferie.
Quali possono essere le cause di questi valori ?
MI devo preoccupare ?
Devo fare altri esami ?
Mi devo rivolgere in ospedale o ricercare altro cardiologo ?
Premetto che nel 2016 ho effettuato : visita cardiologica , elettrocardiogramma sotto sforzo ed eco senza rilevare alcun problema.
Grazie anticipatamente per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
I valori che riporta, di poco fuori range, non devono allarmarla perchè non sono specifici di una citomiocardionecrosi.
Quindi si tranquillizzi e aspetti pure che il cardiologo rientri dalle meritate ferie per mostrarglieli.
Piuttosto, se i dati in account sono giusti, lei deve dimagrire, muoversi, e tenere sotto controllo il pattern lipidico e la pressione arteriosa, che deve essere non superiore a 120/70mmhg.
Saluti Cordiali,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 821XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera,
grazie per la celere risposta.
Negli ultimi anni (tranne aver smesso di fumare) con l'aiuto della "pillola della pressione" e con le giuste accortezze alimentari il pattern lipidico e la pressione arteriosa sono nella norma incluso il valore dell' omocisteina che è 10 (max 16,20).
Per farmi dormire tranquillo , se non le rubbo troppo tempo (che magari dedica ad altri pazienti) mi potrebbe dire da cosa può dipendere questo lieve aumento dei valori ?
Grazie


[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Anche uno sforzo muscolare può elevare questi enzimi.
Non mi è dato di conoscere se lei sta facendo delle intramuscolari, se prima del prelievo ha fatto palestra e quant'altro.
Tenga presente che LDH è una somma di isoenzimi che provengono dai più svariati organi.
In assenza di sintomatologia clinica probativa per IMA il suo lieve aumento va solo ricontrollato dopo una ventina di giorni.
Diversamente vada in P.S. esibisca i risultati e se opportunoo le faranno una curva enzimatica: perderà tempo lei e intaserà il P.S.
Saluti.
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 821XXX

Iscritto dal 2008
Non voglio assolutamente intasare il Ps.
Seguirò il suo consiglio e farò vedere gli esami al cardiologo al suo rientro.
Grazie , a lei ad a tutti i suoi colleghi che ci aiutano dando delle risposte alle nostre domande.

[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Di nulla.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 821XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera,
ho atteso che rientrasse il mio cardiologo e mi ha prescritto una prova da sforzo.
L'esito è questo (testuali parole) :
Test da sforzo interrotto alla fine del quarto step. Non angior durante la prova. All'acme dello sforzo sottoslivellamento nelle derivazioni precordiali (max - 3.1 mm in V6).
No aritmie.
Rapida regressione delle modificazioni Ecg nel recupero.
CONCLUSIONI TEST DA SFORZO MASSIMALE DUBBIO POSITIVO PER ALTERAZIONI ECG AD ALTO CARICO.
Si consiglia approfondimento diagnostico con test di imagin".
Dopo 2 giorni di discussioni tra i cardiologi , visto la mia "giovane" età, decidono di farmi una coronarografia.
Esito:
Coronaria sinistra:
Tronco comune: indenne.
Arteria discendente anteriore : indenne.
Arteria circonflessa : indenne.
Coronaria destra: indenne.
Complicanze : nessuna.
Conclusione : albero coronarico assente da stenosi emodinamiche significative.
Diagnosi di dimissione : Angina Microvascolare.

In aggiunta alla mia cura mi prescrivono la cardio aspirina.

A questo punto la confusione diventa tanta e vorrei un chiarimento (per quanto possibile con quanto scritto).

1) I valori del sangue erano falsi positivi ?
2) Il sottoslivellamento nelle derivazioni precordiali (max - 3.1 mm in V6) è un falso positivo, o ho avuto in precedenza un "piccolo infarto" ?.
3) Cosa è la "Angina Microvascolare" e come è stata diagnosticata ?
4) I cardiologi parlavano tra loro di altri eventuali esami di imagin anche dopo la coronarografia .... li devo fare ? e quali ?
5) Concludendo , ho problemi cardiaci , oppure no ?

Grazie anticipatamente per la risposta.

[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei è affetto da una angina microvascolare, che è una diagnosi di esclusione.
Se le sue coronarie sono normali nei grossi tronchi e in quelli comunque visualizzabili alla coronarografia, i vasi microscopici che portano il sangue alle cellule del cuore funzionano male.
Per tale motivo si è verificato il sottoslivellamento dell'ST nelle precordiali.
Tale patologia, un tempo ritenuta appannaggio delle donne e chiamta Sindrome X, in genere è la conseguenza di una ipertensione per lungo tempo ignorata o non sufficientemente portata a target (120/70mmhg), di una displipidemia (che lei dice di non avere), del sovrappeso, del fumo di tabacco.
La sola aspirina da 100 mg mi pare un pò poco: vi sono altri farmaci, come le statine e gli IACE, assai più utili in tale microvasculopatia.
Gli esami che esibiva non erano indicativi di alcunchè perchè troppo generici e non accompagnati da sintomi. Almeno da quello che lei riferisce. Perchè non capisco il motivo per cui il medico glieli ha fatti fare.
Per quanto riguarda l'uteriore approfondimento per imaging ritengo che una RM con stress test farmacologico, sia l'esame più utile a valutare le alterazioni della perfusione tissutale che possono essere rilevate in tempo reale durante l'esame.
Oltre alla struttura stessa del suo miocardio.
Me parli con il team cardiologico che la tiene in cura ovviamente e mi aggiorni se ha piacere.

Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.


[#8] dopo  
Utente 821XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la celere risposta.
Il quadro lipidico (eseguito in data di oggi su richiesta del medico curante) è :
Glicemia : 87(65-110)
Uricemia : 4.7(3.4-7.0)
Creatinemia 1.01 (0.60-1.30)
Pcr 1.3 (0-5)
Colesterolo totale : 165
Trigliceridi : 127 (40-170)
Colesterolo Hdl 51 (30/70)
Ldl : 108
Omocisteina 10.08 (5.46-16.20).
La pressione varia da circa 120-70 ad un massimo di 130-85.
Il tutto seguendo la cura prescritta ormai da anni :
Eutirox 75 la mattina.
Dilatrend 25 1/2 compressa la mattina e mezza la sera.
Fulcosupra 145 la sera.
Normocis 1 prima di pranzo.
Cardio Aspirina : dopo pranzo.

Le vorrei fare l'ultima domanda : la Sindrome X è pericolosa ?
E' una malattia che progredisce sempre o che può regredire ?
Se progredisce a cosa porta ?

Grazie sempre.

Ps se non ritiene di dover rispondere a queste ultime domande o le risulta difficile rispondere in una chat , le farò sapere degli eventuali risvolti.


[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei assume un fibrato, la cui protezione endoteliale non è alta quanto quella fornita dalle statine.
Il suo colesterolo è basso perchè assume Fulcosupra e non per magia. Il medesimo può essere affiancato o meglio sostituito con una statina come l'Atorvastatina.
Lo stesso vale per l'introduzione in terapia di un IACE
Ma ovviamente non spetta a me suggerire cambi di terapia per via telematica.
Se non trattata la microvasculopatia miocardica può estendersi anche ai grossi tronchi.
Inoltre ripetuti microinfarti silenti sub endocardici finiscono con l'alterare la funzione contrattile del miocardio fino allo scompenso cardiaco.
In tal senso le ribadisco l'utilità della RM cardiaca citata.
Non ho nessun problema a risponderle, come legge, ma devo invitarla a seguire la sua equipe cardiologica, come è giusto che sia.

Buona serata,
Dott. Caldarola.