Utente 423XXX
Salve,
scrivo in proposito ad una serie di problemi estetici e strutturali che mi affliggono da molti anni ormai. Una decina di anni fa feci un incidente in motorino. Caddi e balzai in una sorta di piccola scarpata. Al pronto soccorso si occuparono di curarmi di alcune ferite ma non feci altri esami ( non ricordavo di aver battuto la testa, non presentavo echimosi al volto, ne accusavo gonfiori al volto). No mi sembrava apunto di aver battuto la testa benchè la notte dopo l'incidente ho avuto delle forti "vertigini" e giramenti di testa. A distanza di anni, circa sei sette anni fa, cominciai a notare che la palpebra dell'occhio sinistro risultava un pochino calata ma né il medico di base, né i miei parenti diedero peso a ciò, ritenendolo fosse legato ad un periodo di stanchezza. Più avanti negli anni ho cominciato a notare un'ipertrofia del muscolo massetere sinistro e un leggero scatto nella zona del condilo mascellare, che, se premuto, fa leggermente male per qualche secondo. Anche difronte a questo, nonostante le mie preoccupazioni, i medici (di base, gnatolgo e dentista) mi hanno rassicurato nel tempo ritenendo si trattasse di bruxismo e ritenendo che l'unica soluzione potesse essere un bite plane . Recentemente un oculista mi ha riscontrato una leggera diplopia, con un esame effettuato tramite l'uso di una torcetta che dovevo seguire con lo sguardo, quando guardo con l'occhio sinistro in alto esternamente. Ultimamente ho notato un altra cosa a cui precedentemente non avevo dato peso ovvero che l'osso dell'arcata sopraccigliare dell'occhi sinistro presenta come una sporgenza dell'osso. Infine come ultimo sintomo la parte sinistra mi risulta come "calata" rispetto quella destra: la coda del sopracciglio sinistro sembra più bassa rispetto quella destra, nonchè la guancia sinistra appare più pesante: é come se i tessuti fossero un po' scesi appunto rispetto all'altra metà del viso. Mettendo assieme tutte le informazioni ho pensato che, a seguito di quell'incidente o di altro episodio, io possa essermi fratturata l'orbita dalla quale derivano i cambiamenti del mio volto. Ora mi piacerebbe sapere se sia possibile capire, a distanza di così tanti anni, se io abbia effettivamente riportato una frattura all'orbita e quali connessioni ciò potrebbe aver avuto in merito ai fastidi che ho riportato ( massetere ipertrofico, diplopia, condilo che scatta doloroso) e a quali esami nel caso debba sottopormi per effettuare questa verifica.. Inoltre vorrei capire, in caso di effettiva frattura, se si possa ancora intervenire. Soffro di questa situazione. Mi crea disagio la, seppur lieve, asimmetria degli occhi e del profilo del volto, tanto più che non mi sembra proprio un cambiamento fisiologico. Tengo molto al mio aspetto e questa cosa non mi fa stare bene. Ma la cosa che più mi preoccupa sono i possibili peggioramenti in merito alle capacità visive dell'occhio sinistro. Ringrazio per la gentile disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Gargiulo
20% attività
8% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
la sua storia è abbastanza lunga ed articolata.
per escludere una pregressa fratura orbitaria dovrebbe esgure una tc orbitaria e massiccio facciale con ricostruzioni 3d
inoltre per un inquadramento completo necessiterebbe di un consulto maxillo-facciale
a sua disposizione presso ospedale cardarelli di napoli