Utente 423XXX
Salve,
Circa un mese fa, per curiosità, ho provato a masturbarmi senza però mai raggiungere l'orgasmo o eiaculare, stando sempre "al limite" in parole povere, per 2-3 giorni, alla fine dei quali ho eiaculato. Ho ripetuto questa pratica un paio di volte nella settimana seguente. Poi ho smesso.
Tuttavia, a un mese di distanza accuso ancora sintomi legati a questo fatto. In particolare: fastidio al perineo praticamente sempre, dolore post eiaculazione (dura un'oretta), talvolta bruciore nell'urinare e talvolta ipersensibilità dell'epididimo e del condotto deferente. Non accluso difficoltà di erezione, né perdita della libido. Certo giorni sono meglio di altri, ma i sintomi non svaniscono mai completamente.
Cosa dovrei fare?
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore se la e cercata la diagnosi differenziale va fatta fra infiammazione prostatica e contrattura del pavimento pelvico. Meglio farsi vedere senza perdersi in ipotesi che ritarderebbero una diagnosi importante
[#2] dopo  
Utente 423XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la tempestiva risposta, a breve prenoterò una visita. Volevo solo conoscere la gravità delle patologie che lei ha citato e se sono curabili al cento percento.
Grazie
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Si soprattutto se non si ritarda la diagnosi
[#4] dopo  
Utente 423XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille, è stato gentilissimo dottore
Saluti