Utente 884XXX
Salve, per il mio problema di e.p. il mio andrologo mi ha consigliato l'utilizzo di EMLA da applicare 20 minuti prima del rapporto (con conseguente lavaggio) sulle zone che ritengo più sensibili del pene.
Volevo sapere alcune cose:
- gli effetti anestetici della crema inibiscono anche la normale tendenza all'eccitazione e dunque all'erezione?
- una volta eseguiti i passaggi indicati, gli eventuali benefici della crema sono riscontrabili anche in caso di masturbazione o solo con un vero rapporto completo?

Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
sarebbe molto utile sapere se la sua ipersensibilità è di natura organica (infiammazione cutanea, cute secca, ecc.) o psicologica. Sarebbe bene avere anche notize sulla tempistica della sua eiaculazione.
In entrambi i casi sarebbe bene eradicare il problema alla radice, non con EMLA. Come vede, a titolo mio privato, non amo EMLA.
In ogni caso la risposta alla prima domanda è no, a meno che non ne usi a chili, e i benefici (se vogliamo chiamrli così) si riscontranto anche nella masturbazione
[#2] dopo  
Utente 884XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Cavallini,
intanto grazie per la sua risposta. L'EMLA è la "prima mossa" del mio andrologo che mi ha detto di voler testare in questo modo se si tratta di un problema di ipersensibilità o se la causa è di natura diversa. La mia eiaculazione si attesta intorno ai due minuti, non di più. E anche in fase di masturbazione.
Io non conosco Emla e non l'ho ancora utilizzata. Come mai non la vede di buon occhio? Non può essere uno strumento per indagare sulle cause della patologia, come sostiene il mio medico? (Ripeto io non la conosco e non l'ho usata, ma mi piacerebbe sapere il Suo parere)

GRazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
l' ipersensibilità cutanea è un sintomo o di problemi cutanei o di problemi psicologici, che meriterebbero una indagine di cui non c' è traccia nella diagnosi fatta dal collega. Tutto là.
[#4] dopo  
Utente 884XXX

Iscritto dal 2008
capisco.. Lei come procederebbe come primo passo?

[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
prima cosa fare una diagnosi da cosa dispende sua ipersensensibilità cutanea. Ne parli direttamente col suo andrologo
[#6] dopo  
Utente 884XXX

Iscritto dal 2008
GRazie ancora per la disponibilità.
[#7] dopo  
Utente 884XXX

Iscritto dal 2008
Caro dottore. Ho utilizzato EMLA sia in masturbazione sia in un rapporto sessuale. DEvo ammettere che ho notato sostanziali modifiche in termini di tempi più lunghi. Ne ho parlato col mio andrologo che mi ha detto che a questo punto ha intenzione di procedere con una frenulotomia visto che il mio frenulo è piuttosto breve (anche se non eccessivamente). Secondo i suoi riscontri l'unica cosa che potrebbe dar luogo alla mia ipersensibilità è proprio questo fattore. E mi ha proposto questo piccolo intervento valutando, eventualmente un'ulteriore "desensibilizzazione". Non mi è chiara quest'ultima cosa.

Inoltre, a questo punto, una volta eseguito l'intervento, le mie sensazioni non saranno mai più della stessa intensità di cui sono sempre state, giusto? E poi, dovesse veramente esser solo quello il problema.. la precocità si esaurirebbe del tutto?

GRazie
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
non capisco mica tanto bene. Se non ha male o fastidio al frenulo durante penetrazione direi che l' intervento non ha nessun valore ai fini eiaculatori.
Quanto alla ulteriore desensibilizzazione consoco la neurotomia inferore del pene, pubblicato con risultati eccellenti nel 1998 e dati mai confermati e quindi intervento abbandonato.
[#9] dopo  
Utente 884XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottor Cavallini,

il fastidio al frenulo in effetti ce l'ho. Ad esempio non riesco ad inserire il preservativo partendo dal prepuzio completamente scoperto. Altrimenti mi sento troppo tirare. E la crema Emla applicata proprio sul frenulo (oltre che nella corona) ha effettivamente ridotto la mia sensibilità..

Quanto alla neurotomia, dunque, lei mi consigila di non prenderla in considerazione?
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Ok per frenulo. La neurotomia inferiore non ho esperienza, poichè las fonte del famoso articolo era alquanto "sospetta" e nella comunicazione fra colleghi nessuno di noi la usa più. Ora quell' articolo famoso non è mai stato confermato: e questo succede in genere alle pratichje poco affidabili
[#11] dopo  
Utente 884XXX

Iscritto dal 2008
Bene. grazie ancora