anale  
 
Utente 325XXX
Gentile Dottore ,
mi devo operare una ragade anale, eseguendo una plastica anale ( anoplastica ) ;
una plastica anale ( tecnica del lembo di avanzamento ) adansament FLAP,
in modo da coprire la ferita .

Assumo Acido Valproico 500mg sera e 500mg mattina , carbamazepina 200mg la sera ,per controllare epilessia ( 5 crisi maggiori sempre nel sonno in 2,5 anni e frequenti crisi minori , se non assumo la terapia ) .

Le scrivo il referto della mia , RM ENCEFALO senza e con MDC
Tecnica di esame : Sistema 3 Tesla
Acquisizione volumetrica SPGR-IR , completata con ricostruzioni; Assiali FLAIR e FR-FSE T2 -w ; Coronali IR , Coronali Flair T2-w,Coronali GE ; Coronali ,assiali SE T1-w , dopo somministrazione di gadolinio .

L'esame evidenzia una assimmetria degli emisferi cerebrali , più marcata a livello dei lobi Temporali , a sinistra di minore volume che a destra .

Si segnala inoltre che entrambe le Amigdale appaiano voluminose , presentano una lieve iperintensità di segnale in T2 , con perdita delle definizione dell' interfaccia sostanza grigia-bianca , come da " blurring "; il reperto potrebbe essere compatibile con displasia ; a destra si osserva un dubbio interessamento anche della corteccia del giro di ambiens .

Ampi gli spazi subaracnoidei della base , della convessità e di Virchow- Robin. Nei limiti di norma i restanti reperti , ed in particolare non si evidenziano aree di alterato segnale a carico del tessuto cerebrale , nè aree di impregnazione patologica.

Dottore la mia domanda ;
Secondo lei, quale anestesia è compatibile con la mia epilessia , se la durata dell'intervento è di 15-20 minuti ?
Posso fare l' intervento con un'anestesia locale e dopo poche ore ritornare a casa ?

Dottore la ringrazio per il suo aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buona sera, il suo quadro neurologico è particolare, ma non costituisce una controindicazione assoluta alla esecuzione di una anestesia, qualunque essa sia, ovviamente con i dovuti accorgimenti. Tuttavia la valutazione globale di un paziente non può prescindere dalla presa visione del preoperatorio completo (tutti gli esami), e sopratutto dalla visita.
Se da tutto ciò emergesse la possibilità di poterla sottoporre ad una anestesia diversa da quella generale, io credo sarebbe meglio orientarsi verso un blocco periferico ( a. peridurale e/o spinale). Quanto a tornare a casa la sera stessa dipende dalle sue condizioni postoperatorie e dalla valutazione del suo anestesista: purtroppo non esistono situazioni standardizzate nel nostro lavoro, bensì ogni persona è una storia a sè.
Spero di essere stata esaustiva, cordiali saluti