Utente 436XXX
Ho effettuato gli esami di routine previsti alla 36^ settimana di gravidanza, è emersa una reattività all' HBsAg, Mai riscontrata prima d'ora. Ho effettuato il vaccino per epatite B nel 1998 con successivo richiamo nel 2011, nel 2014 l'hbsag risultava non reattivo, è possible che abbia contratto l'epatite B? Quali provvedimenti sono previsti in questo caso per la mamma e per il bambino al momento del parto? Intendo comunque ripetere l'esame ed effettuare tutti I controlli ematici relativi all'HBV poichè non mi sono esposta al rischio direttamente, vorrei tuttavia avere giá un parere in merito.
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
la scedula vaccinale del vaccino contro l'Epatite B prevede tre somministrazioni una al tempo 0, poi dopo 1 mese e dopo 6 mesi dal primo inoculo.
Vi sono anche schedule differenti ma in condizioni non di emergenza questa è la più applicata e comporta una sieroconversione percentualmente molto alta e persistente a tempo indeterminato.
E' tuttavia sicura di aver completato la schedula come descritto?
Con successivo richiamo nel 2011?
Perchè in tal caso, a meno che lei non appartenga alla categoria dei "non responders" dovrebbe avere un titolo, anche basso di anticorpi contro HBsAg e assenza dell'HBsAg.
Ad ogni buon conto, è necessario ripetere l'esame con metodica quantitativa (Ricerca di HBsAg quantitativo), verificare e dosare gli anticorpi anti HBsAg, valutare tutto il "pannello" antigene - anticorpale contro HBV (Anti HBc IgM+ IgG; HBeAg; Anti HBe) e poi eventualmente se la situazione non si chiarisce procedere con la valutazione QUALITATIVA dell'HBV DNA in PCR.
Se risulterà confermata la sua positività,al bambino, alla nascita, verranno inoculate IgG iperimmuni anti HBs e verrà immediatamente praticato, in sede diversa, il vaccino.
Cosi sarà messo al sicuro da qualunque contagio che può avvenire nel corso del parto, sempre che lei sia davvero portatrice dell' Antigene di superficie.
Mi faccia pure sapere, se vuole.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 436XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio per la Sua tempestiva risposta! Nel 1998 ho praticato le 3 somministrazioni previste, inoltre confermo di aver effettuato un ulteriore somministrazione Nel 2011 a seguito di una puntura accidentale in ambito lavorativo poichè il titolo anticorpale risultava basso. Procederò a effettuare gli esami per completare e chiarire la situazione. Appena avrò novitá provvederò ad aggiornarla.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla!
A presto,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 436XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno, aggiorno la situazione con gli esami effettuati:

HBsAG: reattivo (CLIA centaur) positività a basso titolo;
ANTI-HBs: reattivo
Titolo: 593,8
ANTI-HBc totale: non reattivo

HBV-DNA(plasma): non rilevato ( PCR Real-Time)

Come possono essere interpretati questi dati?

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
il quadro sierologico è spiegabile con una interferenza di qualche anticorpo aspecifico con il test per l'HBsAg.
La negatività dell'anti HBc, l'elevato titolo anticorpale contro HBsAg, e l'assenza di HBV DNA in PCR real time sgombrano il campo da qualunque equivoco.
Dunque lei è immune dall'Epatite B a seguito del vaccino.
Per me il caso è da archiviare, anche perchè non è il primo quadro sierologico analogo al suo che mi capita di vedere.
Perciò si tranquillizzi e si goda la fine della sua gravidanza.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#6] dopo  
Utente 436XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio sinceramente per la sua chiara e competente risposta!
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla!
cari saluti!
Dott. Caldarola.