Utente 853XXX
gentili dottori,
vi espongo il mio problema di mio marito( 32 anni entrambi):
lo spermiogramma fatto a LUGLIO ha evidenziato la seguente situazione:
VOLUME 2,5 ML PH 7,8 ASPETTO NORMALE FLUIDIFICAZIONE COMPLETA VISCOSITA' AUMENTATA +--
NUM 27 MIL/ML
MOTILITA' DOPO 1 ORA: TOTALE 10%
MOTILITA' EFFICIENTE(LINEARE) 10%
FORME TIPICHE 50%
ATIPIE DELLA TESTA,COLLO CODA:PRESENTI
TEST DI VITALITA' 55%
LEUCOCITI 1750
EMAZIE RARE - SPERMATOCITI PRIMARI:PRESENTI -SPERMATIDI ASSENTI
AGGREGATI CODA-CODA,TESTA-TESTA,TESTA-CODA:PRESENTI
ACIDO CITRICO 348 FRUTTOSIO 2,7 FOSFATASI ACIDA 405
SPERMIOGRAMMA BUONO.

IL MEDICO GLI HA DISGNOSTICATO UNA OLIGOASTENOSPERMIA DI LIEVE ENTITA' CON CURA DI 40GG DI BIOARGININA 3 VLT AL DI'( in realta' l'abbiamo prolungata per 60 gg)

A OTTOBRE IL RISULTATO ERA IL SEGUENTE:
VOLUME 3,5 ML PH 7,9 ASPETTO NORMALE FLUIDIFICAZIONE COMPLETA VISCOSITA' AUMENTATA +--
NUM 52 MIL/ML
MOTILITA' DOPO 1 ORA: TOTALE 18%
MOTILITA' EFFICIENTE(LINEARE) 11%
FORME TIPICHE 52%
ATIPIE DELLA TESTA,COLLO CODA:PRESENTI
TEST DI VITALITA' 60%
LEUCOCITI 1850
EMAZIE RARE - SPERMATOCITI PRIMARI:PRESENTI -SPERMATIDI ASSENTI
AGGREGATI CODA-CODA,TESTA-TESTA,TESTA-CODA:PRESENTI
ACIDO CITRICO 365 FRUTTOSIO 2,8 FOSFATASI ACIDA 423
SPERMIOGRAMMA BUONO.

Di fronte a questo nuovo esito (raddoppio del numero) grazie alla semplice bioarginina,il medico ha escluso gravi difetti nella spermatogenesi cosi' come il precedenza aveva escluso il varicocele.
per aumentare la motilita' ritenuta' bassa a causa della viscosita'.
a questo punto gli ha dato un antibiotico (chimono) per 5 gg 1 vlt al di e un mucolitico generico per 10 gg 2 vlt al di.

A NOVEMBRE l'ultimo spermiogramma è peggiorato per quanto riguarda numero,motilita' e leucociti:
VOLUME 4 ML PH 8,2 ASPETTO NORMALE FLUIDIFICAZIONE COMPLETA VISCOSITA' AUMENTATA +--
NUM 38 MIL/ML
MOTILITA' DOPO 1 ORA: TOTALE 12%
MOTILITA' EFFICIENTE(LINEARE) 5%
FORME TIPICHE 50%
ATIPIE DELLA TESTA,COLLO CODA:PRESENTI
TEST DI VITALITA' 58%
LEUCOCITI 4500
EMAZIE RARE - SPERMATOCITI PRIMARI:PRESENTI -SPERMATIDI ASSENTI
AGGREGATI CODA-CODA,TESTA-TESTA,TESTA-CODA:PRESENTI
ACIDO CITRICO 380 FRUTTOSIO 2,5 FOSFATASI ACIDA 451.

Aggiungo che quasi 8 anni fa sono rimasta incinta e a gennaio di quest'anno ho avuto un aborto precoce (era il primo tentativo)
Io ho effettuato un tampone per la ricerca della clamidia,ureaplasma,mycoplasma nonche' quello di base ed entrambi erano negativi ad ogni batterio.
Ora le mie domande sono:
LA CURA VI PARE VALIDA?
COME E' POSSIBILE QUESTO PEGGIORAMENTO DOPO LA CURA?
I LEUCOCITI COSI' ALTI COSA SIGNIFICANO?
IL FATTO CHE IL MIO TAMPONE SIA NEGATIVO ESCLUDE L'INFEZIONE PER MIO MARITO?
CI SONO POSSIBILITA' DI CONCEPIRE NATUIRALMENTE O CONSIGLIATE DI NON PERDERE TEMPO PREZIOSO E RIVOLGERCI A UN CENTRO PER LA PMA?
Ci proviamo da 1 anno ormai ma caso strano questo mese il test di gravidanza è risultato negativo ma si è legermente positivizzato dopo 10 min.
non ho fatto le beta,il giorno dopo mi e' venuto il ciclo ma non so se ho avuto un altro aborto precocissimo.
scusate per la lunghezza del mio consulto.
vi ringrazio anticipatamente per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Signora,
è difficile dare giudizi sulla cura basandosi soltanto su uno spermiogramma, è importante conoscere i dati della visita.
Non si capisce se il medico che lo ha seguito era un andrologo o altro medico.
Giudicando dal liquido seminale soltanto le variazioni da lei riportate potrebbero anche essere indipendenti dalla terapia e rientrare nelle oscillazioni normali del liquido seminale; il liquido seminale ha infatti ampie oscillazioni spontanee.

La negatività del suo tampone non esclude una infezione per suo marito che dovrebbe eseguire una spermiocoltura.

Credo che a prescindere dalla PMA dobbiate rivolgervi ad esperti di medicina della riproduzione (andrologo e ginecologo) per vedere il da farsi.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio dottore,
per quanto riguarda la spermiocoltura mio marito ne ha fatte due entrambe buone.
cio' che NON ha mai fatto lui e' un tampone per clamidia ureaplasma e micoplasma.ritiene debba farne?
il medico e' un andrologo.
io non ho problemi di ovulazione,ho tolto un polipetto endometriale a luglio,prolattina e altri valori per la tiroide vanno bene.
essendo rimasta incinta non dovrei avere problemi alle tube ma non escludo di fare un'isterosalpingografia il mese prossimo.
mio marito non ha fatto alcuna ecografia ai testicoli..ma solo visita con palpazione.
Ritiene sia insufficiente? cosa consiglia?
i leucociti cosi' alti e aumentati da cosa possono dipendere?
in ogni caso concorda con la cura eseguita?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergia signora,
il limite di guardia dei leucoiciti è 1.000.000/ml, sopra c' è una flogosi. Se questo limite viene superato sono necessarie esami batteriologici approfonditi.
La letteratura è concorde nel non ritenere sufficiente una palpazione testicolare, serve un ecodoppler. E' uno scrupolo da vecchia zitella: ma gli esami ormonali sono stai fatti?.
Tenga presente che comunque le alterazioni picccole del seme, quali quelle che ha suo marito, sono le più difficili da correggere.
Ho seri dubbi comunque sulla efficacia della bioarginina in presenza di viscosità aumentata.
[#4] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
grazie anche a lei dottore per la sua risposta.
credo anche io che non sia possibile ridurre una visita alla semplice palpazione.
per quanto riguarda gli esami ormonali a quali si riferisce? parla dei miei o per mio marito? in quest'ultimo caso quali devo fargli fare?
io ho controllato FT3 FT4 PROLATTINA TSH..tutti nella norma.
seguiro' il suo consiglio.
la ringrazio
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergia signora,
mi riferisco agli esami di suo marito.
Non esiste univocità in letteratura circa esami ormonali da fare in accertamenti di fertilità, in ogni caso appaiono accettati tali dosaggi:
Testosterone libero e totale, albumina, SHBG, LH, FSH, Prolattina, Progesterone, 17-beta-2-estradiolo.