Utente 449XXX
Salve, anni fa ho contratto la sifilide. Dopo il normale trattamento previsto dal protocollo standard il tutto si è risolto.
Ora ho una relazione stabile e col mio partner abbiamo deciso di fare tutti i controlli per vedere se entrambi siamo sani. Ora lui purtroppo è risultato positivo alla sifilide (mai curata in passato) e ha iniziato la cura standard. Si tratta di sifilide primaria. Poiché avevamo avuto già qualche rapporto a rischio, il medico sta facendo fare la cura standard da protocollo anche a me (visto che la sifilide passata non dà immunità per un nuovo contagio e per evitare il ping pong). Il sifiloma lui ce l'aveva sulle labbra. Abbiamo evitato di baciarci in modo passionale per un pò nonostante anche io fossi comunque già in cura pennicillina. Anche se si è già in cura antibiotica insieme si può avere l'effetto ping pong? Ora, il sifiloma si è chiuso (è rimasta un pò la cicatrice sulle labbra).
Ora a settembre effettueremo di nuovo le analisi. Visto che il tpha resterà comunque positivo, i parametri per valutare se entrambi non abbiamo malattia attiva e siamo guariti sono il VDRL e l' FTA-Abs Igm? E' corretto?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le Pz
Irrazionale della cura contemporanea è proprio evitare infezioni ping-pong. Certamente il dosaggio delle IgM (immunoglobuline fresche) è fondamentale. Il suo medico predisporra 'controlli seriali per monitorizzare la situazione.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Grazie Dottore per la sua risposta.
Quindi gli esami da tenere in considerazione da monitoraggio sono: fta-abs igm e VDRL?
Vanno effettuati dopo un mese dalla fine della cura e poi dopo tre mesi? E' corretto?
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Si ,corretto.Insieme ad altri, se si vuole ,ma questi sono assai utili .
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Gentile Dottore,
a fine settembre io e il mio compagno effettueremo di nuovo le analisi di controllo.
Io avendo già avuto un episodio di sifilide in passato e avendolo curato correttamente come le dicevo, da cosa mi accorgo che la cura di pennicillina che ho rifatto insieme al mio partner che aveva invece sifilide attiva, ha funzionato e sono guarito?
Chiedo questo perchè per il mio compagno essendo la prima infezione è più facile.
Invece io, qualora avessi ricontratto la malattia e curata visto la cura contemporanea, come lo capisco?
E soprattutto capisco se la cura ha funzionato?
Facendo l'FTA abs igm e il VDRL, che valori devo osservare? Visto che il TPHA resterà sempre positivo (e a volte anche il VDRL).
Devo aggiungere qualche altro esame per valutare il follow up della terapia?
Grazie