Utente 472XXX
Buongiorno,
vi contatto in quanto un paio di mesi fa, seguito biopsia al cuoio capelluto mi è stato diagnosticato il LICHEN PLANUS PILARIS.
Sono una ragazza di 32 anni, da circa 4 anni (o poco più) soffro di un forte prurito al cuoio capelluto che ha portato alla perdita dei capelli nella zona della nuca, oltre a generale diradamento e lenta crescita dei capelli superstiti.
Inizialmente mi è stata diagnosticato effeluvium cronico, passato poi ad alopecia areata incognita per arrivare definitivamente all'ultima diagnosi di LPP.
Ad oggi il prurito continua ad essere fastidioso e persistente.
E' da oltre 1 anno che utilizzo OLUX mousse, senza averne tratto alcun reale beneficio.
E' l'unico trattamento possibile?
Qualora il mio problema fosse veramente legato ad un forte trauma, credete che l'ipnosi possa essere un buon tentativo di cura?
Ed il metodo del PLASMA RICCO DI PIASTRINE, in un caso "cronico" come il mio, credete possa rivelarsi utile?
Inoltre, nella zona ormai diradata vorrei provare a indossare una protesi parziale (per poter continuare a lavorare e ad avere una vita sociale) ma visto il prurito persistente, non è una scelta consigliata.
Avete qualche consiglio / opinione in merito?
Non so più dove sbattere la testa.
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione che vorrete darmi.
Cordialmente.
[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
La terapia principale di questa malattia ,disreattiva e caratterizzata da una progressiva distruzione del follicolo da parte dell'infiltrato infiammatorio,é quella cortisonica.
Oltre all'olux spesso si effettuano terapie obiettive con kenacort a tipo mesoterapico ed altre ancora.
Questo nell'ottica di fermare o rallentare grandemente la progressione della malattia.
Ovviamente dove la alopecia è ormai diventata cicatriziale (Non ci sono più follicoli) non potrà esserci ricrescita .
In questi casi le moderne protesi tricologiche ,attualmente ve ne sono di estremamente leggere e confortevoli rispetto al passato, possono essere una soluzione estetica molto buona.
Altre possibilità chirurgiche sono più da ponderare.
Il prp o anche le iniezioni di altre sostanze eutrofizzanti possono aiutare ma come supporto della terapia principale.
Cordialmente Dott.G.Griselli
[#2] dopo  
Utente 472XXX

Iscritto dal 2017
Gent.le Dottor Griselli,
la ringrazio per il suo celere consulto.
In merito al PRP ritiene che possano esserci effetti collaterali? Mi è chiaro che può parzialmente aiutare la crescita dei capelli, come mi è altrettanto chiaro che esiste la possibilità che sia completamente inutile.
Mi chiedevo però se, inniezioni di tale tipologia, possono causare la perdita totale dei capelli?
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione che vorrà dedicarmi.
Buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Non prevedo effetti collaterali significativi se ben condotto. Certamente non danneggeranno il follicolo ,anzi!
Può aiutare.
Cordialmente Dott.G.Griselli