Utente 945XXX
Ho 48 anni e l anno scorso ho avuto uno shock anafilattico solo dopo la settima siringa di "lirgosin"(cefotaxime sodico).Mi sono recata all’ IDI per effettuare il test per vedere a quale altro farmaco fossi allergica(test che poi per paura non ho più fatto) e mi hanno consigliato di non assumere più antibiotici beta lattamici e di far uso di antibiotici del gruppo macrolidi e chinolonici.
E’ da un pò di giorni che ho una brutta tosse grassa,quasi sicuramente è bronchite,ma non mi sto curando sempre per paura di riavere un altro shock..
La mia domanda è la seguente..cosa posso assumere per curarmi? se potete per favore specificare il nome esatto del farmaco..
grazie in anticipo per l attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
In relazione alla sua anamnesi, è ancora valido il consiglio degli Allergologi dell'IDI. Ovvero, i farmaci più lontani chimicamente dai beta-lattamici e, quindi, con più bassa probabilità di provocare reazioni allergiche, rimangono i Chinolonici ed i Macrolidi. Sul nome commerciale dell'antibiotico da somministrare nella sua situazione attuale, dovrà essere il medico da cui si farà visitare a decidere quale scegliere in base alle sue condizioni.
Ad ogni modo, una volta risolta questa evenienza, sarà bene concludere l'iter diagnostico per trovare anche degli altri antibiotici tollerati.
Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 945XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sua disponibilità.
Farò come ha detto lei.
Cordiali saluti