Utente 484XXX
Buongiorno,
dall'8 febbraio la mia vita è cambiato, a seguito di operazione per l'asportazione di una lesione benigna ho scoperto di avere un carcinoma la seno sinistro. Da quel giorno, anche per la molta paura che mi accompagna in quest'ultim mese ho cercato informazioni su internet (si lo so mi avevano sconsigliato di fare ciò ma l'ansia è tanta!!!) e ho trovato molte informazioni utlili sul Vs sito e quindi sono qui a chiederVi un parere pro veritate.
dall'esame istopatologico è risultato quanto segue:
Carcinoma infiltrante della mammella di tipo duttale, mutltifocale, moderatamente differenziato (G2), (3+3+1 Nottingham mod.) del diametro di 1 cm e cm (T1m) con residua componente in situ periferica.
Moderata la reazione desmoplastica, infiltrato infiammatorio focale, necrosi assente, presenza di emboli linfatici.
Margini di resezione chirurgica indenni.
Il linfondo sentinella, nella sezione eseguita per l'esame istologico defintiivo, è sede di micrometastasi (nN1mic).
I cinque linfonodi ascellari ascellari sinistri inviati separatamente risultano esenti da ripetizione neoplastica metastatica.
(pT bm, pN1mic, pMx G2 LVI Stadio IB sec ajcc 2017)

Recettori e fattori prognostici:
Indice proliferazione Ki67 (clone Mib - 1)
percentuale di cellule positive: 38%

Relativamente ai risultati della ricettività ormonale il Chirurgo sommariamente (nei prossimi giorni andrò a ritirare il referto) mi ha parlato di una percentuale del 67 % (non specificando se agli estrogeni o ai progesteroni) e di C-erb negativo.
Non appena ho i risultati defintivi precisi vado ad aggiornare quanto sopra ma per il momento si può prospettare in garndi linee la terapia che dovrò fare?
Ah credo di aver omesso la mia età, ho 34 anni (35 a settembre) e in molti mi hanno detto che sono troppo giovane e che sono probabili delle terapie aggressive oltre la terapia ormonale.
Grazie mille per la pazienza e per l'ascolto in un momento così delicato della mia vita.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Comprendo la sua ansia anticipatoria riguardo alle possibili terapie . Per diverse ragioni trattandosi di un quadro borderline possiamo rinviare a discuterne dopo che avra' fatto il primo incontro con l'oncologo.
Le suggerisco un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro ! Se desidera un approfondimento riposti la sua richiesta su esplicitando le sue PAURE .

http://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-1252.html

Se ci segue comprendera' di cosa discutiamo ogni giorno con le sue compagne di avventura.

Una panoramica dei suoi fattori prognostici suggerisce un cauto ottimismo e la presenza pero' di alcuni fattori (es.Ki 67 %) non esclude la proposta di una chemioterapia adiuvante.

Utilizzi pure il copia incolla di questo consulto che e' completo e chiaro, ma si presenti (scriva pure che l'ho invitata io) con un nome (anche fasullo se ci tiene alla privacy)
. Il blog serve proprio a guardare in faccia la paura per poterla superare. Basta connettersi 10 minuti al giorno. Risvegliera;' senz'altro il dolore della sua esperienz , ma allenera' la resilienza per poterle affrontare con maggiore serenita' L'aspettiamo !
Ecco alcune informazioni sul BLOG http://www.medicitalia.it/news/senologia/7376-blog-terapia-convegno-nazionale-ragazze-seno.html
[#2] dopo  
Utente 484XXX

Iscritto dal 2018
Grazie mille Dottore non mi aspettavo una risposta così celere ma da quanto ho osservato Lei è veramente un professionista presente in questo forum.
Certamente mi iscriverò al forum come da Lei consigliato.
Una ultima domanda e poi giuro che metto a tacere la mia ansia...Ma quando mi parla di chemioterapia adiuvante, si potrebbe considerare quella più leggera oppure è molto probabile si possa parlare di quella più pesante, se non erro denominata FEC?
Grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se parliamo di borderline ovviamente non e' esclusa quella leggera

Venga nel forum che ricevera' le rassicurazioni anche delle sue compagne di avventura con situazioni analoghe alla sua
[#4] dopo  
Utente 484XXX

Iscritto dal 2018
Dottor Catania ieri ho ritirato i risultati dell'istologico finalemnte!!!!!
Tutti mi parlano di quadro confortante e che io sostanzialmente sto bene ma bisogna fare prevenzione.
Fermo restando quanto Le ho scritto al primo post adesso ho anche i risultati dell'ormonorecettiva: 30% per progesteroni e estrogeni e il C-Erb B"2 è negativo (+1).
Il chirurgo mi ha parlato di chemioterapia e di menopausa (endovena) indotta, consigliandomi anche di fare il congelamento degli ovuli.
Mi ha spiegato sostanzialmente che per la mia età una cura basata sugli ormoni (anche dopo la chemioterapia) non funzionerebbe con i miei ormoni che allo stato attuale sono molto potenti e che non potrebbero essere bloccati da medicini in commercio (vedi Novaldex), lei cosa ne pensa?
Domani ho il colloquio con il primo oncologo e venerdì privatamente con un altro amico del mio chirurgo (il mio chirurgo dice che lui mi darà la terapia che mi ah spiegato ieri.
Grazie mille per la sua risposta e per il suo sostegno e per il consiglio che mi ha dato per il forum le ragazze sono veramente meravigliose!!!
[#5] dopo  
Utente 484XXX

Iscritto dal 2018
Ne approfitto anche per chiedere eventuali problemi che potrebbe darmi alla mia fertilità, il consiglio di congelare gli ovuli mi ha messo in allerta!!!