Utente
Gent.mi Dottori,
mia madre ha quasi 98 anni e 6 anni fa le è stato diagnosticato un carcinoma lobulare infiltrante alla mammella sx con positività dell'80% agli estrogeni e 80% al progesterone. Avendo rifiutato intervento, è stata trattata inizialmente con Nolvadex con risultato negativo e poi con letrozolo 2,5 mg. (Femara) con buoni risultati; infatti il ca. da 2cm. iniziali si è ridotto a cm 1,5 di diametro con mammella più soffice.
Siccome lei ha deciso di non andare più dall'oncologo perchè ha difficoltà motorie e,a causa di questo farmaco sta spesso a letto per i dolori articolari, così come aveva preannunciato l'oncologo (il femara le procura forti e persistenti dolori alle ossa), la mia domanda è questa: Considerata l'età e le controindicazioni che le sta procurando l'assunzione di questo farmaco, si potrebbe sospendere? e se sì, come? Gradualmente?
Certa di una V/s risposta e ringraziandovi della V/s cortesia e disponibilità invio cordiali saluti

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Peccato che nonostante l'eta' non sia stato fatto un piccolo (in considerazione delle dimensioni del nodulo) intervento di pulizia in anestesia locale.
Se c'e' una correlazione (lo deve dire l'oncologo) tra l'assunzione del farmaco ed i dolori chiaramente si puo' pensare ad una interruzione immediata.
Ma sentirei l'oncologo anche telefonicamente .

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente
Gentil.mo dott.Catania,
grazie infinite per la Sua celere risposta ma sospendendo il Femara potrebbe esserci un aumento delle dimensioni del nodulo? E che cmq penso sarebbe molto lento.
Cordiali saluti