Utente 234XXX
Donna: a 29 anni carcinoma in situ seno sx curato on quadrectomia+radio. A 32 anni recidiva intorno alla cicatrice precedente di multipli focolai di carcinoma sempre in situ, curato con mastectomia e ricostruz.gran dorsale e null'altro. Oggi ho 38 anni e annualmente faccio controlli del sangue(marcatori compresi), mammografia e radiografia . Se ci sono dubbi faccio anche risonanza magnetica, altrimenti no.
dal punto di vista della prevenzione secondaria secondo lei dottore è sufficiente? non ho mai fatto ne pet ne scintigrafia ossea.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005

Si non farei altro ! Ma dalla storia che descrive priviligerei la PREVENZIONE PRIMARIA per il seno controlaterale.

iMMAGINO IL COMPRENSIBILE STATO DI ALLARME CHE AFFOLLANO I SUOI PENSIERI.


Occorre un volume e forse non basterebbe per correggere alcuni suoi pregiudizi su questa malattia derivati probabilmente da una esplorazione senza guida di informazioni sulla rete.

Un tumore insorto prima dei 50 anni vuol dire che non si può pensare che il primitivo tumore sia stato provocato dall'invecchiamento delle cellule, ma da cause verosimilmente genetiche. Noi con l'intervento rimuoviamo il tumore, ma non le cause che continuano ad agire. Ecco perché nel suo caso la cautela deve essere massima.
Le suggerisco un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro !

Di questo ci occupiamo da anni nel mio blog RAGAZZE FUORI di SENO,

https://www.medicitalia.it/news/senologia/6986-blogterapia-ragazze-fuoridiseno-rfs-bilancio-anniversario.html

in cui e' possibile correggere molti dei suoi pregiudizi su ereditarieta', prevenzione, e soprattutto PAURE

https://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/4700-dare-speranza-fattori-predittivi-mera-informazione-condanna.html

Se lo desidera (si presenti con un nome, anche fasullo) e dica pure che l'ho invitata io, cosi' puo' saltare tutti i preamboli ed entri nel nostro blog delle RAGAZZE FUORI DI SENO RACCONTANDO BREVEMENTE LA SUA INTERESSANTE STORIA, COME HA FATTO QUI e Le prometto che non la lasceremo sola..
RIASSUMA LA STORIA E PARLI DELLE SUE PAURE senza remore.....

https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-754.html

Tanti SALUTI

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Grazie mille della gentile risposta dottore.
A dir il vero sono un po pigra e non faccio sport ma solo delle camminate che mi sforzerò di fare senz'altro più costantemente.
Per quanto riguarda l'alimentazione attualmente faccio così, che ne pensa:
Colazione h 7.20: caffè+latte di mandorla, soia oriso e fetta biscottata con marmellata o cereali zuccherati.
Metà mattina: crakers o qualche biscotto o più raramente una banana
Pranzo:lo faccio dopo le 14.00 per motivi di lavoro:piatto di pasta normale o s/glutine(cioè pasta con farina di riso o mais o farina di piselli o di ceci o di grano saraceno) condita con verdura o pomodoro e mizzarella/feta o raramente con una verdura + pancetta.
Cena dopo le 19: bistecca con verdura , passato di verdura o legumi, o tonno in scatola o affettato o mozzarella, sempre accompagnata da un po di verdura.Piu raramente pesce.
Dopo cena spesso mi concedo qualche biscotto o (haimè so che non dovrei nemmeno vederle ma mi piacciono molto:) )qualche patatina fritta .
Sono alta 1.68 peso 50 kg, sono sempre stata magra.
Spero di non essere totalmente fuori strada...ma sono cmq pronta a cambiare .
Grazie mille.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005

Ma c'e' anche tanto....ALTRO !

Venga sul nostro blog e lo scoprira' giorno per giorno


https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-756.html

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com