Utente 124XXX
Salve, sono un ragazzo di 27 anni ed è da un pò di tempo che spesso si presenta un dolore al testicolo dx. Da premettere che è notevolmente più basso del SX. Questo tipo di dolore si presenta come se avessi lo slip che stringa nell'inguine e che si propaghi nella parte bassa dx dell'addome. Ciò aumenta (cosa strana) quando magari finisco un abbondante pranzo (o cena, o che sia). Durante l'atto, mi si ripresenta lo stesso dolore (come se il testicolo venisse tirato giù) e penso perchè (scusate il termine un pò spartano) siano un pò "liberi". Da sdraiato, me lo ritrovo praticamente quasi tra le coscie, il che mi crea fastidio quando chiudo le gambe e quindi sono costretto a "riprenderlo".
Per quanto riguarda il testicolo SX, certe volte si presenta al tatto sottocutaneo, come fosse un guscio di una noce, cioè con una superficie irregolare, indurito e quindi fa male a toccarlo.
Premetto che anni fa sono stato operato di ernia inguinale sul lato sx e di idrocele durante lo stesso intervento.
Premetto anche che lavoro molte ore (circa 12 ore al giorno da seduto).
Sperando che il mio problema sia stato descritto a sufficienza e in vostro riscontro, vi porgo distinti saluti.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
si ... è stato abbastanza chiaro seppure "colorito" nella Sua descrizione :o)
Io, rileggendo quello che Lei ha scritto, non riesco ad identificare elementi di patologia.
Tuttavia, credo che un esame ecotomografico scrotale ed ecocolorDoppler dei vasi spermatici, potrebbe risultare dirimente al di là di ogni dubbio.
E' appena il caso di sottolineare che gli esami strumentali cui accennavo, insieme a quello del liquido seminale e dell'assetto ormonale, dovrebbero rientrare nel normale iter diagnostico che è previsto da una visita Andrologica che, alla Sua età, Le consiglio vivamente di mettere in previsione.
Prevenire è, lo dicono tutti ma lo fanno in pochi, è meglio che curare.
Auguri affettuosi e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO