Utente 958XXX
Salve,
ho letto diverse risposte legate al problema della ptosi palpebrale. Quasi tutte, mi pare, sono legate a quesiti su problemi di natura estetica. Il caso che sottopongo è quello di mia madre (53 anni) che invece ha subito la paralisi del terzo nervo cranico a seguito di intervento chirurgico per asportazione di un voluminoso meningioma. Sorvolando sull'emianopsia che riguarda l'occhio aperto e l'emiparesi post intervento (ne ha subìti due, l'ultimo ad aprile 2008) mi chiedevo che possibilità chirurgiche e che possibilità di successo potessero esistere per l'apertura della palpebra. Si consideri che tale paralisi riguarda anche la pupilla, che vede correttamente ma è sostanzialmente bloccata guardando in basso a destra dell'occhio offeso. Sia palpebra che pupilla mostrano segnali a volte incoraggianti quanto, tuttavia, lenti.

Grazie sin d'ora per la lettura,
un saluto
Nicola

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile Nicola
credo che la risposta migliore la potranno fornire i colleghi della sezione neurochirurgica ed oculistica a cui la invito reinviare la sua richiesta

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 958XXX

Iscritto dal 2009
Farò come mi suggerisce,

grazie per la disponibilità e la rapidità nella risposta.

Saluti
Nicola