Utente 883XXX
Gentile Professore,la disturbo nuovamente,dopo l'intervento per glaucoma mi sono fatto visitare a Verona e il Professore mi dice che ho il nervo ottico distrutto, la settimana scorsa ho fatto una visita di controllo da chi mi ha operato il quale dice che in fase di intervento e successo qualcosa per cui, non per patologia, così ho capito, ho perso la vista e con le correzioni poco risolvo anche perchè non ho più il senso della profondità.
Le chiedo: i danni al nervo ottico sono irreversibili, tuttavia ho letto che applicando i peptidi hanno avuto dei grossi successi, in via sperimentale. In Italia ho qualche speranza? Ci sono eventuali cure, non dico per guarire,ma per migliorare?
Distinti saluti.
G.L.I.
[#2] dopo  
46841

Cancellato nel 2010
Carissimo G.L.I.,
i danni del nervo ottico sono spesso irreversibili,ma esiste la possibilità,con l'aiuto di una diagnostica strumentale mirata,verificare se sono tali oppure esiste ancora un margine!
Un caro saluto
[#3] dopo  
Utente 883XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio per la risposta, tuttavia mi permetto di insistere, non esistono cure rigeneranti o che comunque possano aiutare il nervo ottico? eventualmente dove potrei andare? Grazie ancora G.L.I.
[#4] dopo  
Dr. Riccardo Losciale
24% attività +24
0% attualità +0
12% socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Non esistono cure "rigeneranti" ma solo integratori a base di Vit.B e citicolina (tra i pochissimi principi attivi in grado di agire sul nervo ottico). La citicolina può essere assunta in forma orale o intramuscolo.
Questi possono, come dice Lei, "aiutare" il nervo ottico...
Un caro saluto
[#5] dopo  
Utente 883XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la consulenza e la disponibilità.
G.L.I.