Utente 104XXX
Salve, ho 24 anni e già da un po' di tempo (almeno un annetto) soffro di questo disturbo. Dopo un'intensa attività sessuale, vale a dire dopo erezione prolungata, eiaculazione "ritardata" ed eiaculazioni multiple, sento un dolore/fastidio non troppo acuto ma noioso al fondo del coccige e talvolta arriva fino all'ano, unito a sensazione di gonfiore. chiaramente in astinenza sessuale tutto ciò non si verifica, tuttavia se mi appoggio di peso sulla punta del coccige sento un dolore molto acuto, così forte che mi costringe subito a rinunciare alla posizione. In passato ho sofferto di fastidio ai testicoli e zona perineale e difficoltà di svuotare la vescica, ma gli esami (ecografie vescica e testicoli e urinocultura) hanno escluso patologie. Sono spesso seduto ma credo di rimediare con un'ora e mezza di palestra (con corsa) giornaliera. Vado di corpo regolarmente, ma talvolta con un po' di difficoltà e in passato ho sofferto molto spesso di emorroidi, sia esterne che interne, ma di recente non ho fatto visite in merito perchè sono regolare. Essendo questo fastidio al coccige e ano persistente, sarei molto interessato a scoprirne le cause e i rimedi.Considerazione credo importante: NON sono gay, quindi non ho rapporti anali. vi ringrazio per l'attenzione!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
quanto descritto potrebbe essere o un fenomeno infiammatorio/congestizio di prostata e/o uretra oppure una sorta di spasmo dei muscoli bulbo- ed ischio-cavernosi che costringono posteriormente i corpi cavernosi del pene ed aiutano ad espellere lo sperma. Consiglierei un consulto da collega, almeno per escludere fenomeni infiammatori.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,la sintomatologia riferita non e' appannaggio degli omosessuali,ma,piu' verosimilmente potrebbe essere dovuta ad una nevrite sacro-coccigea e da emorroidi.Credo che potrebbe essere vantaggioso indagare in tal senso,anche considerando l'attivita' sportiva.Cordialita'
[#3] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
ringrazio vivamente. procederò con delle indagini accurate al più presto e riferirò.

ulteriori considerazioni:
1) credo di soffrire anche di meteorismo (e l'aria aumenta in me il senso di gonfiore a coccige e ano) oppure di sindrome del colon irritabile, anche se, ripeto, l'alvo ultimamente è regolare;

2) io ho regolarmente eiaculazioni giornaliere, anche perchè se non accade di giorno succede di notte nel sonno, ma quando si tratta di eiaculazioni molto rapide il mio disturbo non si verifica: solo quando c'è una stimolazione più intensa e prolungata.


ancora ringraziamenti e distinti saluti
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
A disposizone a ricevere sue notizie se vuole.
[#5] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Salve! scrivo nuovamente per un aggiornamento:
eseguita visita generica e visita proctologica; riscontrate emorroidi di 2° grado e coccidinia. MOLTO dolore alla pressione digitale sulla punta del coccige: la dottoressa sospetta una infiammazione del coccige oppure un sinus pilonidalis ancora in stadio iniziale in quanto non percepibile (mi si potrebbe considerare un soggetto a rischio data l'abbondanza di peli nella zona). Mi ha consigliato di aspettare un paio di mesi e vedere cosa succede, nel frattempo 15 gg di antinfiammatorio.
Posso chiedere cosa ne pensate?
Se dopo 2 mesi il problema persiste cosa mi consigliereste?
Grazie ancora e distinti saluti
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Crao signore,
non sono competennte della zona. Ma sembra OK. Comunqe provi a postare la sua richiesta in chirurgia generale.