Utente 995XXX
Gentili Dottori

Soffro di allergia alle graminacee di 3 grado diagnosticata da due visite allergologiche + ige specifiche. Ho rinite allergiche tutto l’anno e anche se l’allergia che ho dovrebbe essere stagionale il problema c’è l’ho sempre (mi hanno detto che qui dove vivo le graminacee sono presenti tutto l’anno...). La rinite allergica è sicura ma è da tempo che soffro di mancanza d’aria sia di giorno e specialmente di notte quando dormo con risvegli parziali(riprendo subito sonno) e talvolta totali. La mancanza d’aria mi viene alcune volte o in alcuni luoghi (esempio nella sala d’attesa del mio dentista piccola e con poltrone di stoffa), ho bruciore ai bronchi che varia con alti e bassi, non sono fumatore. Sono andato da un otorinolaringoiatra e mi aveva diagnosticato reflusso gastro esofageo, mi ha dato una cura con sciroppo per sciogliere i muchi più medicinali per l’intestino e ansia (per l’ansia gocce alle erbe) … e dopo + di venti giorni di cura niente uguale e dato che non tossisco mi ha detto che i bronchi non potevano essere. Ma io cocciuto mi sono andato a fare la radiografia che ha rivelato una broncopatia… accentuata a destra. Il dottore mi ha modificato la cura ma continuo a non avere risultati, ho anche preso antibiotici ma niente di niente, stessi sintomi. Ora dato che mi sento così da diversi mesi mi chiedevo se poteva essere un inizio d’asma o asma e basta(premetto che non tossisco) e che ho fatto diverse cure per la rinite allergica di circa 15 giorni. Quindi volevo sapere che test devo fare per l’asma e dove, (vi anticipo che qui dove vivo non fanno la provocazione bronco-polmonare)sono disposto anche ad andare in un'altra regione per farmi visitare. Poi se devo evitare cibi che provengono dalle graminacee e se esiste un test(preciso) del sangue per gli alimenti. Nessuno degli allergologi con cui ho fatto una visita me l’ha consigliato e io invece ho letto che è meglio evitarli. Per favore rispondetemi perché non riesco a venirne a capo.

Vi ringrazio in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
gentile utente,
occorre differenziare la 'sensazione' di mancanza d'aria: può eeserci una percezione di mancanza di respiro non accompagnata però da alcun disturbo della dinamica respiratoria (la classica dispnea) oppure può associrasi alla sensazione un disturbo del respiro (la dispnea, il 'fischietto', il cosiddetto 'affanno', la tosse, ecc...)... oppure può esserci anche una sensazione di costrizione toracica, con o senza tosse, che si accompagna alla sensazione di mancanza d'aria... man mano che si passa dalla sola sensazione agli altri disturbi la diagnosi di asma diventa via via più evidente ma anche con la sola sensazione varrebbe la pena di fare alcuni esami di approfondimento come ad esempio una spirometria basale ed eventualmente dopo broncodilatazione... sarebbe anche interessante sapere se lei pratica sport e se durante lo sforzo fisico ha la stessa sensazione... circa gli alimenti, sono al momento d'accordo nel non consigliarle di approfondire la situazione...
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 995XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dott. la ringrazio ancora.

Le dico i sintomi per farle fare un idea più precisa. Bruciore ai bronchi(alla gola anche e al naso)con muchi che nella gola mi scendono dal naso pressione al torace come dice lei specialmente quando inspiro e dolore leggero al centro del torace e specialmente a destra (tutte queste sintomi non sono sempre della stessa intensità) tosse niente, fischietto niente (solo quando mi sento pegggio e respiro a fondo si sente un leggero sibilo). Poi per finire sempre da svelgio respiro meglio quando i respiri sono lenti ma non riempio appieno i polmoni anzichè quando sono lenti ma profondi. Anzi quando li faccio profondi due o tre di fila mi manca di più il fiato. Poi visto che mi ci fa pensare quando vado a correre dopo una decina di minuti circa (non ricordo bene dopo quanto tempo)mi è spesso capitato dolore ai polmoni e per calmarlo mi dovevo fermare, infatti una di quelle volte ho chiesto alla mia ragazza se dopo essersi sforzata così gli facevano male anche a lei e sono rimasto sorpreso che mi ha risposto no pensavo che fosse una cosa normale del corpo umano dopo uno sforzo, anche mio fratello che è uno sportico niente non gli viene, l'ho lasciata stare questa cosa perchè non pensavo fosse importante, e poi il naso si chiude di + quando mi sforzo. Ovviamente il bruciore quando corro si accentua e mi sento superspossato e anche stressato dopo una corsa, prima invece no. Cmq non vado a correre da alcuni mesi.