Utente 107XXX
Buongiorno.
Sono una donna di 52 anni.
All'età di 12 anni mi è stata diagnosticata un'insufficienza mitralica di medio grado in seguito a reumatismo articolare acuto.
In cura da 13 anni con INDERAL 40, MODURETIC, CARDIOASPIRIN e da circa un anno anche TIKLID.
Preciso che mi sottopongo a controlli periodici ogni 8/12 mesi, sebbene la mia situazione fisica sia buona (non ho crisi di apnea, non soffro di gonfiori agli arti e salgo le scale normalmente con minimo affanno).
All'ultimo controllo mi è stata consigliato un intervento per la dilatazione della valvola mitralica in quanto la sostituzione sarebbe prematura.
L'esito dei raggi al torace è nella norma.
La conclusione dell'ecocardiogramma Mono-monobidimensionale color-doppler: stenosi mitralica medio-serrata. IM lieve. IT moderata. Lieve-moderata ipertensione moderata.
Lei cosa ne pensa?
A quali rischi vado in contro?
Quali saranno i tempi di recupero?
Eventualmente mi sa consigliare a quale struttura ospedaliera mi posso rivolgere per questo specifico intervento?
La ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,la dilatazione può essere un valido presidio per rimandare almeno di un po l'intervento,ma i criteri perchè sia efficace sono molto rigorosi e devono essere valutati da un buon ecografista e decisi insieme all'emodinamista che deve eseguire la procedura.Sono valutazioni un po complesse di tipo ecocardiografico,è necessario ad esempio che l'area valvolare cioà il buco dove passa il flusso di sangue(ridotta dalla stenosi)non sia maggiore di 1,2 cm altrimenti il palloncino non arriva a dilatare,poi è necessario valutare se l'apparato sottovalvolare(corde tendinee muscoli papillari)sia integro o non ci siano presenti calcificazioni e/o fusioni,in tal caso non risulterebbe esserci indicazione di efficacia etc.Pertanto il giudiziodeve essere molto preciso e rigoroso ed espresso da personale competente che con le immagini ecografiche possa darne la corretta indicazione;se l'indicazione rispetta rigorosi parametri può essere senzaltro un buon metodo per rimandare l'intervento a data da destinarsi anche per lungo tempo,ma devono essere molto precise.Mi sembra di capire che sta a Venezia,beh Padova non è lontanissimo ed è un centro di eccellenza.
Cordiali saluti
dr.Annoni