Utente 104XXX
Gent.mo Prof. Stelio ALVINO,
entro breve saro' sottoposta ad intervento chirurgico per l'estrazione di 2 presunti papillomi (citologia c3 da ago aspirato al seno sinistro.)
Dato che l'intervento avverrà in day surgery e tramite anestesia generale, Le volevo chiedere se è possibile avere una preanestesia che induca al sonno prima di entrare in sala operatoria. Mi ricordo ancora il terrore che ho provato una ventina di anni fa quando ero stata operata ad una gamba...quei famosi tre secondi che conducono "all'incoscienza" mi hanno provocato il panico e mi sono risvegliata agitatissima!!

Dato che l'intervento durerà una ventina di minuti pensa che si possa effettuare una sedazione molto profonda senza ricorrere all'anestesia generale vera e propria? (eviterei l'intubazione..brr che paura!)

La ringrazio anticipatamente per una sua eventuale risposta e La saluto cordialmente. (Chiederei tutte queste informazioni direttamente al mio
anestesita ma lo incontrerò solo il 29 aprile)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, le chiedo scusa per il ritardo ma essendo all'estero in missione non sempre mi è facile essere sulla rete.
La ringrazio per il "Prof" ma non ho questo titolo, sono ancora giovane!!
Dunque scherzi a parte veniamo a noi. Ha fatto bene a scrivere su medicitalia.
Sicuramente quando farà la visita anestesiologica il Collega (e se non lo fa, lo chieda lei) prescriverà una sedazione da effettuarsi PRIMA di entrare in sala operatoria con una benzodiazepina.
Se eventualmente ne sente il bisogno nei giorni precedenti chieda al suo medico curante di prescriverle farmaci del genere per attenuare l'eventuale stato d'ansia se fastidioso, da assumere magari la sera.
Se l'intervento dura una ventina di minuti sicuramente può essere effettuato (se non in anestesia locale) in narcosi in maschera facciale e/o con maschera laringea evitando l'intubazione. Certo che comunque dormendo a lei questa cosa interesserà ben poco..! Non c'è molta differenza tra un'anestesia generale e una sedazione profonda visto che in ogni caso si dorme, salvo per il fatto che possono esserci differenze sul fatto dell'intubazione o meno. Se dopo averla addormentata si esegue anche nella zona di intervento una anestesia locale sicuramente non vi saranno problemi a tenere il respiro spontaneo o assistito in maschera.
E poi la sera.... a casa.
In bocca al lupo
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio moltissimo per la risposta tempestiva.
Lei oltre ad essere un bravo professionista, è anche molto disponibile e simpatico!!

Non immagina quanto sia riuscito a tranquillizzarmi. Meno male che ci sono persone come Lei che rispondono in modo molto dettagliato ai più svariati quesiti, donando serenità a chi sta attraversando periodi difficili.

Le auguro una buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Pensavo di averla già tranquillizzata con la precedente consulenza del 18 marzo scorso per lo stesso intervento...

http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=73793

saluti
[#4] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
In effetti, in parte ha ragione.
Successivamente, però, ho sentito parlare di sedazione profonda (non pensavo che esistesse!) e, cosi', Le ho chiesto se poteva essere praticata anche nel mio caso...infatti la mia più grande paura ERA ed E' l'anestesia totale con relativa intubazione!
Poi, non sapendo se la sedazione profonda era fattibile, ho persino escogitato di farmi addormentare direttamente in camera e non in sala operatoria....cosa vuole che Le dica, sono un caso disperato!!!
Ad ogni modo La ringrazio ancora.
[#5] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
NO, cara signora, non è un caso disperato, anch'io se potessi opterei per altra anestesia avendo paura di quella generale...! Al risveglio il pensiero di poter parlare a ruota libera mi lascia perplesso....

Comunque ai fini pratici, tra sedazione profonda e anestesia generale per lei cambia poco. L'intubazione fa più paura al solo pensiero che all'atto pratico... Il bravo Anestesista non fa avvertire al paziente ne l'intubazione (ovviamente!!) perchè avviene quando il sonno è già profondo ne tantomeno l'estubazione al risveglio. Stia tranquilla! Non se ne accorgerà nemmeno ammesso che il Collega non opti per una narcosi in maschera. Piuttosto mi raccomando la sedazione preoperatoria che se ben fatta le darà il massimo comfort. Ci faccia sapere allora come è andata. A risentirci.
[#6] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Le farò sapere sicuramente l'esito dell'operazione.
Con l'occasione Le porgo gli auguri di Buona Pasqua.
[#7] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Contraccambio di cuore. Buona Pasqua a lei e saluti dal Libano.
[#8] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Eccomi!!!!

Gent.mo dott. Stelio ALVINO,
finalmente mi hanno operata al seno con un po' d'anticipo! (il 29/04)
L'operazione è andata bene e, sinceramente, il dolore post-operatorio è molto sopportabile.
Aspetto con molta ansia l'esito dell'esame istologico(dovrebbe essere negativo...ma, finchè non ne ho la certezza, provo molta paura.)
L'anestesia è stata poco traumatizzante : ho avuto la fortuna di essere operata per prima e, quindi, il tempo di attesa è stato veramente poco! Mi hanno addormentata direttamente nella saletta adiacente la sala operatoria iniettandomi in flebo una preanestesia (?)....almeno cosi' mi hanno detto...ero in uno stato di leggero intontimento e mentre stavo scherzando con le infermiere (gentilissime), sono partita nel mondo dei sogni senza neanche accorgermene!
Sono ritornata in camera dopo circa 2 ore, leggermente assonnata ma senza provare brividi e nausea.
Meglio di cosi' non poteva andare e se nella malaugurata ipotesi dovessi essere rioperata (per andare alla ricerca di eventuali linfonodi "attaccati"), non avrei sicuramente più paura dell'intervento chirurgico! Ho lavorato molto su me stessa prima di affrontare l'operazione ed ho capito che bisogna adottare uno stato mentale positivo..solo cosi' si possono affrontare le esperienze spiacevoli con più determinazione e coraggio.
L'unica nota stonata è stato l'atteggiamento del chirurgo: è un ottimo professionista, però non è passato nanche una volta per dirmi come era andata l'operazione!
Pazienza, tanto domani vado a fare la prima medicazione ed avrò modo di vedere quanto mi hanno "tagliuzzato"!!!

La saluto con simpatia e cordialità.
[#9] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Bene!! sono contento e grazie per avermi tenuto al corrente.
E l'anestesista, è passato nel pomeriggio a vedere come andava?
saluti
[#10] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
neanche l'anestesista è passata!

Mah, non l'ho vista quando mi sono risvegliata....si figuri se faceva una capatina nel pomeriggio (ad ogni modo era una donna, quindi non mi sono persa niente!!!
ovviamente scherzo!).

Sinceramente ho provato più dispiacere a "non vedere" il pasto perchè mi hanno tenuto a digiuno fino alle ore 18!!

Ad ogni modo sono ancora viva...per fortuna in ogni camera ci sono i campanelli per chiamare le infermiere!

Tanti cari saluti.