Utente 103XXX
Salve.
Ho 37 anni e da quasi un anno ho un problema che mi assilla.
10 mesi fa' mi sono svegliato con il viso gonfio, le vertigini e mi sentivo molto bebole. La situazione nel corso dei mesi e'peggiorata al punto di avere diversi "quasi svenimenti". Poi si e' presentato un forte fastidio alla nuca e una sensazione di pesantezza alle gambe che a volte mi rendeva impossibile addirittura camminare.
Le vertigini si presentavano quotidianamente insieme a sensazione di testa leggera e momenti improvvisi di pallore ed estrema debolezza.
A volte il respiro si fa faticoso e la testa pesante.
Ultimamente avverto delle brevi fitte in diversi punti del torace e un fastidio alla spalla e all'avambraccio sinistro.
A volte ho delle tachicardie con quasi 90 bpm a riposo e a volte i battiti scendono sotto i 60 bpm.
Ho fatto un elettrocardiogramma e un echocardio sotto sforzo che non hanno evidenziato problemi particolare a parte il fatto che i battiti salgono di frequenza un po' velocemente.
La mia pressione e' in media 135/90, e i miei esami del sangue sono nella norma a parte i trigliceridi e il colesterolo un po' alti.
So che questi sintomi sono riconducibili sia a problemi di stress ed ansia sia a possibili cardiopatie.
Vorrei avere il parere di un esperto.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la negatività degli esami strumentali cui si è sottoposto escludono patologie cardiache come già sospettavo nel suo precedente consulto. Le alterazioni lipidiche riscontrate, sono invece, meritevoli al momento di modifiche dietetiche e di vita (aumenti la sua attività fisica). Per il resto come lei ha già intuito, il quadro clinico globale non è indicativo di una patologia specifica, pertanto molto probabilmente il suo è solo uno stato ansioso. Si consulti eventualmente con uno psicologo.
Saluti