Utente 110XXX
Sono una donna di 42 anni mamma di due figli, non ho mai avuto patologie particolari a parte un sovrappeso che cerco di controllare. (altezza 163 peso 75 kg)
Da circa 6 mesi avverto ogni tanto delle anomalie nel battito cardiaco (come se il cuore volesse uscire fuori)ho quindi effettuato una visita cardiologica ed ecocardio dal quale non emergeva nulla di strano ma su indicazione del cardiologo ho anche eseguito un holter. l'esito dell'holter è il seguente ritmo sinusale con normale intervallo PR e QRS; fase di tachicardia mattutina fc max 131 bpm, fc min 47 media 75; due brevi runs di fibrillazione atriale a rapida risposta ventricolare (fc max 180 bpm)della durata massima di 2 minuti; BESV moderatamente frequenti presenti anche a coppie precoci brevi fasi di ritmo bi-trigenimo; un BEV!!!!!
Questo referto mi ha lasciato molta preoccupazione specie per le fibrillazioni atriali con risposta ventricolare e visto che il controllo dal cardiologo avverrà solo la prossima settimana vorrei avere qualche valutazione competente del mio holter. Dimenticavo di precisare che ho effettuato negli ultimi 2 mesi una dieta dimagrante proteica (seguita da un dietologo) perdendo circa 6 kg. ora sto reinserendo gradualmente tutti gli alimenti e devo dire che forse da qualche giorno gli episodi di palpitazioni vanno diminuendo. Non prendo farmaci, non fumo, non bevo. Grazie per la Vs diponibilita' cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la breve durata degli episodi di fibrillazione atriale, pone dei dubbi sull'effettiva natura dell'aritmia registrata, potrebbe infatti essere anche un artefatto della registrazione della traccia elettrocardiografica. L'esame, quindi, andrebbe visionato ispettivamente dal suo cardiologo, per confermare la reale natura degli eventi aritmici. Nel frattempo, dovrebbe a mio avviso praticare un prelievo venoso per valutazione della funzionalità tiroidea e sottoporre il tutto al collega per una corretta e globale valutazione del suo caso.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dr Martino della sua risposta, ho tralasciato di indicare che il dietologo mi aveva fatto fare gli accertamenti della tiroide e di tutti gli altri valori colesterolo, glicemia, azotemia, transaminasi sodio potassio ecc ecc. e a parte il valore dell'uricemia (5.9) tutto rientrava tranquillamente nei limiti. Nella dieta proteica che ho seguito per un mese assumevo del potassio klc retard, che però ho preso solo per pochi giorni perche tolto proprio dal cardiologo. Un'altra cosa che ho notato inoltre è che la mia pressione ora non supera quasi mai i 120/70 anzi spesso è nettamente al di sotto. Tutto questo scompenso che ultimamente si è ingigantito (palpitazioni, ritmo non costante ecc) non è forse l'effetto di questa dieta??? Grazie per i suoi preziosi consigli.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Potrebbe di certo essere un effetto del brusco calo di peso, e molto probabilmente, il collega che l'avrà in cura, le farà ripetere l'esame Holter se quello riportato risultasse dubbio.
[#4] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio molto e non mancherò di farle sapere l'esito della visita cardiologica.
[#5] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
salve il cadiologo consiglia l'events recorder per monitorare la frequenza e l'intensita delle FA anche se mi ha tranquillizzata circa la brevita degli episodi riscontrati dall'holter. Mi ha comunque messa sotto caridioaspirina. Stasera ho avuto per la seconda volta in pochi giorni delle accelerazioni del battito fino a 150 bpm, stando comunque a riposo. Per questo motivo e in previsione di un mio imminentissimo viaggio (irrimandabile)di circa una settimana mi ha consigliato l'assunzione di soltex 80 1/2 la mattina e 1/2 la sera almeno fino all'applicazione dell'event rec.
Che ne pensa? è un farmaco che può darmi problemi?? Sarebbe meglio non prenderlo??? Queste accelerazioni (partono da 80 bpm e in poche secondi crescono fino a 150 per poi dopo un minuto diminuire ) sono FA o tachicardie?? Secondo il medico forse le seconde perche in queste accelarazioni io il battito lo percepisco senza interruzioni ma solo molto veloce. Grazie per la sua dipsonibilità.