Utente 112XXX
Dottore buongiorno,Le riporto di seguito il referto della PET che hanno fatto a mia madre e per il quale le hanno dato pochi mesi di vita.

L'esame è stato effettuato con tecnica 2D,a digiuno,dopo circa 60m dall'iniezione di F18fluorodesossiglucosio.Sono state acquisite immagini dalla base cranica alla pelvi(total body)ricostruite mediante sezioni coronali,transassiali e sagittali di 4,25mm di spessore,corrette e non corrette per l'attenuazione corporea.
L'indagine evidenzia la presenza di intenso incrementodella captazione(SUV max pari a 17,7g/ml)a livello postero basale polmonaresx,in corrispondenza del voluminoso addenzamento descritto alla TC precedente.Concomitano plurimi accumuli linfonodalia livello del mediastino,incorrispondenza della loggia del barety in sede precarenale,sottocarenale e ilare sx(SUV max fra 2,8/12g/ml).Si evidenzia poi significativa captazione focale(SUV max 8,2g/ml)a livello dell'emisoma anteriore sx di D10,in corrispondenza di akterazione osteostrutturaole di aspetto litico.I rilievi polmonare sx,linfonodali mediastinici e scheletrico sopradescritti appaiono metabolicamente compatibili con alterazioni di natura sostitutiva.Si osserva infine tenue captazione focale,di intensita attualmente ai limitidella significatività metabolica(SUV max 2,4g/ml)in corrispondenza di subcentimetrico addensamento para-ilare inferiore sx,di possibile pertinenza linfonodale o alternativamente parenchimale,sospetto quale ulteriore localizzazione di malattia attualmente in fase di sviluppo.Limitatamente al potere risolutivo della metodica(circa 5mm)non si documentano ulteriori significative anomalie della distribuzione del radiofarmaco a livellodei restanti distretticorporei indagati.Conclusioni:reperti a livello polmonare sx,linfonodali mediastinici e scheletrico a carico di D10 metabolicamente compatibili con alterazioni di natura sostitutiva.

in primis mi è stato detto che tagliando un pesso di polmone avrebbe avuto qualche possibilità...almeno di qualche anno.Ma dopo la PET hanno sconsigliato l'intervento o la chemio...unica possibilità la radioterapia.E solo per darle qualche mese in piu.

Lei dottore,cosa ne pensa?Le informazioni che Le invio possono essere sufficenti?

La ringrazio anticipatamente per la disponibilità.

Mauro
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Donati
20% attività
0% attualità
0% socialità
AOSTA (AO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
un intervento toraco-chirurgico può essere effettuato solo nelle fasi più o meno "iniziali" di malattia neoplastica polmonare, cioè quando il tumore è circoscritto e un'operazione può essere effettuata con intenti di radicalità oncologica. Nel caso di sua mamma, la neoplasia pare avere interessato, oltre il polmone, anche i linfonodi mediastinici e lo scheletro dorsale (a livello della decima vertebra toracica). Occorre quindi, in questo stadio più avanzato, effettuare terapie mediche di contenimento della malattia (chemioterapia e radioterapia). Quindi concordo pienamente con i colleghi che hanno escluso l'intervento, visto lo stadio metastatico della neoplasia, e concordo pure sulla proposizione della radioterapia a livello osseo (a fini palliativi per lenire il dolore). Ho qualche riserva sulla mancata proposizione della chemioterapia (a meno di particolari problemi della paziente che controindichino la stessa).
Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
4% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Escluderei, vista la diffusione di malattia (sospetto cT3N2M1), un approccio chirurgico. Manca la definizione dell'istotipo per una corretta valutazione e definizione dell'ev trattamento chemioterapico.
A disposizione per ulteriori eventuali delucidazioni.
[#3] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
8% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Quanti anni ha tua madre?e perchè i colleghi che hanno valutato il suo quadro clinico escludono la chemioterapia?avendo a disposizione maggiore notizie magari si potrebbe valutare i margini per una immediata diagnosi istologica e un successivo trattamento medico (chemio e radio).
Sono a tua disposizione.
Dott. C. Andreetti
Chirurgo Toracico
Ospedale Sant'Andrea di Roma
[#4] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Buona sera a tutti, e GRAZIE per l'interessamento ed i preziosi consigli. Ho ritirato proprio oggi il referto dell'esame istopatologico: adenocarcinoma.Inoltre mi hanno dato anche il risultato della risonanza magnetica che qui vi riporto:
""Prestazione: RM COLONNA LOMBOSACRALE
RM COLONNA DORSALE SENZA E CON MDC
quesito diagnostico:NPL polmonare sx
Immaini sagittali in T1,T2;STIR
Nella metà anteriore del corpo della X dorsale,lesione focale ipointensain T1 e iperintensa in STIR rieribile a secondarismo.Nella metà posteriore del corpo di L5 si riconosce debole ipointensità in T1 e iperintensità in STIR di non sicuro significato secondario ma da controllare nel tempo mediante RM.Lieve scivolamento anteriore del corpo di L4 su L5.I dischi L3-L4,L4-L5,L5-S1 mostrano lieve protrusione posteriore.
Non evidenti alterazioni di segnale a carico della parte del midollo visualizzato.""
Questo è quanto. Di speranze in verità non ne ho piu.Vorrei solo sapere quello che si puo fare di meno invasivo possibile e che dia un minimo di aspettativa di vita. Vi sono molto grato per tutto.
Mauro
[#5] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
8% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Caro Mauro,
la situazione è grave; ho letto attentamente tutta la documentazione che mi hai mandato. A questo punto devi sicuramente contattare un radioterapista per trattare le lesioni della colonna (se mamma ha dolore la radioterapia potrebbe alleviarlo)e appoggiarti a un centro per terapia del dolore per pazienti con patologia tumorale avanzata. Per quanto riguarda la chemio non so quanto potrebbe essere utile a mamma: potrebbe sfinirla prima della malattia. Per il lavoro che faccio fondamentale è per me pensare sempre in positivo e aggrapparsi ad ogni speranza. Nel caso di mamma fondamentale è cercare di farla soffrire il meno possibile.
Un saluto
Dott. C. Andreetti