Utente 112XXX
Mia madre, 70 anni a luglio e positiva all'hcv da almeno trent'anni, è stata colpita lo scorso anno da tumore primario al fegato. L'operazione è andata bene e lei si è rimessa nel giro di pochi mesi ed ora conduce una vita normale. NOn è stato necessario effettuare alcun ciclo chemioterapico in quanto non son state riscontrate lesioni ad altri organi.
La scorsa settimana ha eseguito un controllo di routine dal quale è emerso:
Esiti di resezione epatica del VII segmento ove son presenti clips metalliche con modesta disomogeneità del parenchina circostante.
In corrispondenza del SESTO segmento è riconoscibile una lesione tondeggiante delle dimensioni di circa 2cm a contorni lievemente irregolari caratterizzata da disomogeno enhancement in fase arteriosa ed ipodensità in fase tardiva riferibile ad epatocarcinoma.
In sede celiaca son riconoscibili alcuni piccoli linfonodi delle dimensioni massime di 8mm.
Nella norma pavimento pelvico, milza, pancreas, reni e surreni.
Di cosa si tratta?
grazie per l'attenzione e cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

da quanto descritto si tratta di una nuova lesione da epatocarcinoma. Ciò non è infrequente in pazienti con una lunga storia di epatite C ed a maggior ragione se già è stata rimossa una massa analoga. Occorre valutare se possibile un reintervento (anche magari una embolizzazione od una termoablazione) o se intervenire in chemioterapia (Nexavar) magari in abbinamento ad ipertermia transcutanea (vedi sito www.ipertermiaroma.it).

Resto a disposizione, un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it