Utente 112XXX
Salve
Ho 35 anni e da circa una settimana soffro di strani sintomi e essendo un soggetto a rischio mi inducono a sospettare che potrei avere dei problemi cardiaci.
SINTOMI
Dolori anche se molto leggeri ma persistente (piu' un formicolioche che un vero e proprio dolore)alla parte sinistra del petto esattamente all'altezza del cuore che va fino a sotto l'ascella spesso soprattutto durante la notte questa sensazione prende anche il braccio sinistro,le gambe e lo stomaco accompagnato da uno stato d'ansia e ad improvvisi vampate di calore.
Come le dicevo sono un soggetto a rischio soffro di una leggera forma di ipertensione(tenute sottocontrollo)con valori medi tra 140/85 con battito cardiaco normale media 70 battiti,sono in evidente sopprapeso circa 100 chilogrammi per un'altezza di 1.75,non fumatore .
Al momento che ho scoperto di soffrire di ipertensione (poco meno di un'anno fa')ho eseguito i seguenti controlli visita cardiologica con ecg,eco renale e un eco doopler tutti con esito negativo dalle analisi del sangue l'unico valore furi dalla norma e' risultato il colesterolo.
In questi giorni visto la comparsa dei sintomi descritti e che ormai e' passato un'anno dalle ultime analisi mi sto' muovendo per rifare tutti gli accertamenti del caso ma visto la lentezza e i lunghi tempi d'attesa per fare gli accertamnti volevo sapere era il caso di preoccuparmi ed accellerare le cose (ricovero tramite pronto soccorso o esami e visite da privati)
grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in caso di toracoalgia aspecifica gli esami fondamentali cui in genere i pazienti vengono invitati ad effettuare sono essenzialmente due: test da sforzo e gastroscopia. E' molto probabile infatti che i sintomi toracici siano da addebitare ad un ernia jatale, ad un reflusso gastro-esofageo ad es. e non tanto a problemi di natura cardiologica. Ne parli, comunque con il suo curante sulla necessità di effettuare tali esami.
Saluti