Login | Registrati | Recupera password
0/0

Depressione e legge 104

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009

    Depressione e legge 104

    Buona sera,
    ho 43 anni ero imprenditore e il mio lavoro sostanzialmente mi portava a viaggiare e al contatto con le persone.
    Nel 2000 sono caduto in depressione, motivo lavoro ma anche predisposizione e vecchie cose mai risolte a detta della dottoressa che ancora oggi mi cura.
    Iniziai la terapia con farmaci e tra alti e bassi sono andato avanti sino al 2007, febbraio per esattezza, quando sempre a causa del lavoro la situazione è precipitata tanto da richiedere un mio ricovero in una clinica specializzata al nord.Da allora non sono comunque più la stessa persona tanto che non riesco più a a fare il mio lavoro, nel quale ero abbastanza bravo, tanto che io e la mia famiglia avevamo raggiunto una condizione economica invidiabile.
    A settembre del 2008 ho trovato lavoro come rappresentante ma sono durato meno di quattro mesi, per la mia oramai incapacità di relazionarmi e per gli stati di ansia e attacchi di panico.Le finanze sono agli sgoggioli e il nero è sempre più nero.
    Assumo ancora farmaci nell'ordine di 6 compresse al giorno ( Depakin, Wellbutrin, Efexxor e Surmontil 20 gocce ).
    Vorrei sapere se ci sono i presupposti per la 104 e quali sono i documenti da produrre e a chi.
    Grazie infinite.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 1342 Medico specialista in: Medicina legale e delle assicurazioni
    Igiene e medicina preventiva

    Risponde dal
    2009
    Gentile Utente,

    la depressione endogena grave è valutata nelle tabelle dell'invalidità civile dal 71% all'80%.

    La legge considera diverse soglie di invalidità, in corrispondenza delle quali prevede diversi benefici:
    . codice 01: meno di un terzo: nessun riconoscimento di invalidità civile.
    . codice 02: dal 34% al 66%: assistenza protesica.
    Dal 46%: iscrizione al collocamento protetto presso i Centri per l’impiego, se disoccupati, in mobilità, con contratto interinale.
    Se si intende essere collocati al lavoro, occorre specifica valutazione ai sensi della L. 68/99..
    . codice 03: dal 74%: esenzione parziale dal ticket; assegno mensile di € 255,13 solo previa iscrizione nel collocamento protetto (uomo fino ai 65 anni e donna fino ai 60 anni) ma con limiti di reddito (€ 4.382,43)
    A richiesta dell’invalido per qualsiasi causa, per ogni anno di lavoro svolto, il beneficio di 2 mesi di contribuzione figurativa fino ad un limite massimo di 5 anni di contribuzione.
    . codice 04: 100% esenzione totale dal ticket; se residua capacità lavorativa, iscrizione nel collocamento protetto (uomo fino ai 65 anni e donna fino ai 60 anni); pensione di inabilità di € 255,13 mensile con limite di reddito di € 14.886,28; tessera di libera circolazione nei mezzi pubblici
    . codice 05-06: 100% maggiorenni non deambulanti e non autosufficienti: indennità di accompagnamento, senza limiti di reddito; se residua capacità lavorativa, iscrizione nel collocamento protetto (uomo fino ai 65 anni e donna fino ai 60 anni).
    . codice 07: 100% minorenni non deambulanti e non autosufficienti: indennità di accompagnamento, senza limiti di reddito. Al compimento dei 18 anni, va presentata una nuova domanda.
    . se “capacità di deambulazione sensibilmente ridotta”: contrassegno di parcheggio.

    Per quanto riguarda la legge 104/92, non vedo in che cosa possa esserle utile.
    Ha qualche esigenza particolare?

    Lo Staff di Medicitalia sta pubblicando un mio MinForma sull'invalidità civile e sui benefici della L. 104/92; nell'attesa, collegandosi al mio sito
    http://www.medico-legale.it
    può trovare le informazioni che possono eventualmente esserle utili.

    Cordiali saluti.


    Mario Corcelli, MD
    Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
    http://www.medico-legale.it

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 100 Medico specialista in: Medicina legale e delle assicurazioni
    Medicina del lavoro

    Risponde dal
    2007
    Penso che non dovrebbe avere diritto al riconoscimento dell'handicap grave ai sensi della L. 104 ma solo all'handicap lieve che di fatto non serve a molto.
    In ogni caso la domanda può essere presentata all'ASL Servizio Medicina Legale di residenza allegando una certificazione del medico curante e le copie delle certificazioni specialistiche.
    Dr. M. Golia - Brescia


    Dr. Maurizio Golia
    Specialista Medicina Legale e Assicurazioni e Medicina Preventiva Lavoratori
    Brescia - Cremona - Seriate

  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Gentile Dott.Corcelli
    grazie ,anzitutto, per la tempestiva risposta.
    Come dicevo il mio lavoro per il 90% mi portava in giro per i clienti e il mezzo che utilizzavo era chiaramente l'automobile.
    Sono sempre stato un ottimo guidatore ma ultimamente guido malissimo sono assente, ho evitato per un pelo situazioni spiacevili e ho il terrore di mettermi al volante anche perchè l'abitacolo mi da un senso di oppressione.
    Quindi mi chiedevo se era possibile la 104 ma anche perchè speravo di poter essere collocato in lista protetta almeno per dei lavori di ufficio.
    Grazie.



Discussioni Simili

  1. Invalidità per depressione
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17/10/2008, 20:05
  2. Un eventuale trasferimento
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04/01/2010, 11:32
  3. Posso richiedere l'invalidità?
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31/05/2010, 14:05
  4. Le patologie che mi scatenano tale depressione
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08/06/2010, 15:44
  5. Depressione e inabilità al lavoro
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25/06/2010, 12:32
ultima modifica:  14/10/2014 - 0,12        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896