Utente 114XXX
Buongiorno,

qualche giorno fa mi è capitato di avere una polluzione diurna, durante una seduta di fisioterapia (back school e rilassamento) per lombalgia dovuta a scoliosi. Non erano presenti fattori di possibile eccitamento, né stimoli diretti o indiretti di alcun genere. Al di là della situazione imbarazzante, cui ho messo una pezza (spero!) fingendo un attacco di rinite allergica e correndo in bagno (discretissimi la fisioterapista e gli altri pazienti della seduta)... mi chiedo come sia potuto succedere e se corro il rischio di altri episodi; mi chiedo poi se non si sia trattato di un fatto per cui ricorrere a visita specialistica.

Intanto ecco alcuni dati (forse) utili per valutare la condizione: ho 36 anni, sono sposato con 3 bambini (il piccolo, di 5 mesi, dorme con me e la madre e si/ci sveglia spesso, con conseguenti, frequentissime notti in bianco) il che rende l'attività sessuale decisamente rara (circa una volta ogni 2/3 settimane) e frettolosa. Mai avuti problemi sessuali o del desiderio in precedenza (qualche polluzione notturna, ma tutto "nella norma"). Sono in cura con ATIMOS inalatore per una forma di asma allergica. Leggermente fuori forma. Periodo di lavoro (in ufficio, da impiegato) molto stressante, sommato a notti insonni, ritmi estremamente serrati e nervosismo costante. Stress alle stelle, con varie preoccupazioni, cui ora si aggiunge anche questa.

Spero che possiate darmi una risposta (se tranquillizzante è meglio!) ed eventualmente indicarmi, se necessaria, il tipo di visita medica più opportuno. Premetto che non amo molto rivolgermi al medico, dove non sia necessario, ma, appunto, se è necessario...

Ringrazio in anticipo per le Vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,intanto si é rivolto ad un forum medico... Comunque,l'astinenza "forzata" dai rapporti sessuali gioca brutti scherzi,per cui,oltre ad allontanare dal letto Suo figlio (impresa ardua),le consiglierei una visita andrologica che potrà valutare le condizioni della prostata,probabilmente congestionata.Ricordo che la prostata,con le vescicole seminali,produce il liquido seminale...Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un soggetto che non eiacula per periodi di tempo abbastanza lunghi potrebbe essere indotto ad eiaculare in seguito a situazioni o stimoli fisici ( spesso molto specifici e personali) che innescano tale riflesso.
Un solo episodio non dovrebbe creare problema, se si ripetesse potrebbe essere utile valutare l'organo che produce e "gestisce" l'eiaculazione: la prostata
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio per le pronte risposte e i suggeimenti. Fino ad oggi non si sono verificati episodi simili, anche se guardo con un certo timore e imbarazzo alla prossima seduta di fisioterapia. Quello che vorrei capire è, però, se il caso debba davvero essere preoccupante oppure no: mi è già capitato, in passato, di trascorrere lunghi periodi di "astinenza forzata" (più di quindici anni fa, durante il servizio militare, per esempio), ma senza "effetti collaterali" degni di nota.

Come consigliato ho preso appuntamento presso un andrologo/urologo dell'ASL, ma la lista d'attesa è così lunga che non lo vedrò prima di tre settimane.
Spero che nel frattempo non si verifichi un altro episodio del genere.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...15 anni fa era un ragazzino.Ci aggiorni sugli sviluppi eventuali.Cordialità.