Utente 198XXX
Biongiorno, mi chiamo Sara ed ho 28 anni. Mio marito ne ha compiuto 33. Dopo un anno di tentativi per avere un bambino, mio marito si è sottoposto ad uno spermiogramma... il risultato e':azoospermia.nelle note del test di capacitazione il mio ginecologo ha riportato: non si evidenziano elementi dalle linee spermatiche nel seminale o nel sedimento. Sempre il ginecologo ci ha consigliato di sottoporre mio marito, ad ua serie di analisi ( genetiche mi pare), e poi di effettuare una biopsia testicolare. La mia domanda è questa: ci sono probabilità che la biopsia porti un risultato positivo? Siamo un pò demoralizzati, anche perchè siamo due soggetti sanissimi. Mio marito non ha mai avuto malattie particolari o problemi di alcun genere.Sottolinea solo che è un fumatore ( non so se può essere rilevante). Scusate se mi sono dilungata. Vi ringrazio in anticipo per la vostra risposta...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
mi dispiace per il suo stato d'animo che traspare chiaramente dalla sua lettera!
Alla sua domanda precisa se "ci sono probabilità che
la biopsia porti un risultato positivo" rispondo che
nelle azoospermie ostruttive la biopsia testicolare
risulta positiva cioè evidenzia una normale quantità
di spermatozoi che possono anche essere utilizzati per ottenere una gravidanza.
Ci tenga al corrente
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2006
La ringrazio per la risposta che mi ha fornito. Volevo avere un altro consiglio ( se possibile): sempre il mio ginecologo, mi ha consigliato di rivolgermi presso il Centro Mediterraneo di Fecondazione Assistita a Napoli... Avete informazioni in merito?
[#3] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
in primo luogo è necessaro capire se l'azoospermia è di natura ostruttiva o produttiva e questo è compito dell' Andrologo; fatto questo dovete rivolgervi in un Centro dove sia possibile effettuare la crioconservazione degli spermatozoi. La biopsia a scopo diagnostico (solo per sapere se gli spermatozi ci sono o no) è una procedura assolutamente inutile. In altre parole se suo marito fa la biopsia e dal referto risultano presenti spermatozoi sarebbe costretto a ripetere un'altra volta l'intervento per congelarli!!
Di norma nei Centri competenti si fa nel medesimo momento un prelievo per biopsia e uno per TESE (estrazione testicolare di spermatozoi) per cui il frammento prelevato viene trattato dal personale Biologico e se ci sono spermatozoi vengono congelati e utilizzati in un secondo momento per ICSI.

Un cordiale saluto
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non cpaisco per quale motivo Suo marito è valutato clinicamente dal Suo Ginecologo e non da un Andrologo. Non è un particolare di poco conto. Dopo una diagnosi di azoospermia su un esame di liquido seminale, occorre una competa valutazione proprio andrologica, per poter decidere quali eventuali esami di laboratorio, strumentali o invasivi (biopsia) effettuare.
Volendo restare sulle generali e senza entrare nel merito, potrei dirLe che l’azoospermia può essere ostruttiva o secretiva. Senza entrare ancora una volta in particolari, nella prima la spermatogenesi è normale, con abbondanti spermatozoi nell’epididimo e nei tubuli seminiferi del testicolo. Il prelievo si effettua tramite le metodiche di aspirazione (PESA) o di microchirurgia (MESA).
Nella forma secretiva, si distinguono un tipo da ipospermatogenesi, arresto maturativo e da sole cellule del Sertoli. Non è di poco conto sapere di cosa si tratta.
Nella forma secretiva, gli epididimi sono quasi nel cento per cento dei casi privi di spermatozoi. Questi vanno quindi ricercati tramite prelievo diretto nel testicolo con la biopsia cui accennavo prima (TESE) o tramite agoaspirato (FNA), metodica facilmente ripetibile. Non sempre sono presenti spermatozoi maturi in questi pazienti, anzi è decisamente molto ma molto raro. La probabilità di trovarli dipende essenzialmente dal quadro istologico presente nel testicolo. Sapere di avere una "only Sertoli syndrome" evita al paziente inutili frustranti aspettative, cocenti delusioni, speranze fallite e, problema non secondario, impegni economici non indifferenti.
Quello che posso consigliarVi è solo una cosa: non cadete nella tentazione di uscire dal terreno delle Strutture Pubbliche scientificamente qualificate.
Davvero ed ancora tanti affettuosi auguri per tutto.
Cordialissimi saluti.
Porf. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2006
Grazie mille a tutti voi per le delucidazioni. Andremo prestissimo ad effettuare tutti gli accertamenti del caso, così potremo poi, decidere cosa fare. potete indicarmi una struttura specializzata in queste problematiche, in Calabria? Anche se, se non sbaglio, la più vicina sia in Campania... Vi terrò aggiornati. Ancora grazie.
[#6] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
se va all'indirizzo della Società Italiana di Andrologia ( www.andrologiaitaliana.it ) troverà l'elenco dei medici
Andrologi operanti in strutture pubbliche e private distinti per regione.
Cordiali saluti

[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non saprei come aiutarLa in questa Sua nuova richiesta. Credo che scegliere un Centro Unievrsitario od Ospedaliero qualificato si al soluzione migliore. Chieda al Suo Medico di base o al Suo Ginecologo...almeno questo...
Afffettuosi saluti ed auguri per tutto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,
un altro mezzo per conoscere un andrologo vicino alla vostra residenza è quello di consultare il sito ufficiale della Società Italiana di Andrologia: www.siandrologia.org.
Un cordiale saluto.
[#9] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno. Stamattina ho ritirato il risultato di alcune analisi di mio marito. Il risultato è Sindrome di Klinefelter. Ho studiato l'intera malattia, ma mio marito, a parte l'azoospermia, non presenta nessun altro " sintomo". Credete che si possa fare qualcosa per avere un bambino? Lo so che dovremo rivolgerci ad altri medici....