Utente 107XXX
egregi dottori,ho 28 anni e sono un soggetto con conclamate allergie alle graminacee e al nickel,verificate mediante test su sangue.a seguito dell'utilizzo per diverse ore di una fascia dimagrante in neoprene, si è presentata un eruzione cutanea in corripondenza delle zone venute a contatto con la stessa,ovvero la zona dell'addome dal seno in giù e la schiena.il rush e particolarmente esteso nella zona laterale dell'addome,dove la fascia aderiva maggiormente alla pelle.l'aspetto della cute risulta con puntini in rilievo di colore rosso,il prurito è intenso.ho il rush da un paio di giorni, e dal primo momento sto utilizzando un detergente dermatologico klinè al ph 4,5 per il lavaggio seguito dall'utilizzo di amido di mais disciolto in acqua, e per concludere flubason lozione 0,25%.l'eruzione non ha cambiato la sua estensione ma stenta comunque ad andar via e si riacutizza ogni volta che sudo un pò di più.mi è già capitato in passato di avere rush di questo tipo se la pelle veniva a contatto con materiali non traspiranti,ma mai di questa portata.ritenete stia sbagliando qualcosa nel trattamento di questa eruzione, o c'è solo da aspettare che si ricostituisca una situazione di normalità.ringrazio anticipatamente e sentiamente per l'attenzione dedicatami e porgo cordiali saluti
Daniela

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
1) le fasce in neoprene fanno forse sudare la pelle (fanno perdere acqua) ma non tolgono ne' sciolgono la ciccia che sta nel sottocutaneo

2) si dice rash

3) in base alla descrizione sembra un problema meccanico da sfregamento-occlusione della pelle e non di tipo allergico. In entrambii casi e' destinato a rilversi da se' ma e' anche una indicazione ad evitare in futuro l'uso di questo tipo di presìdi, i problemi sono reali mentre il giovamento e' ipotetico.