Utente 120XXX
salve
avevo scritto qualche giorno fa per una epididimite in via di estinzione :) (almeno spero che non diventi cronica). Volevo chiedere: so che il coito interrotto può produrre prostatite...può anche produrre epididimiti? il problema per me che il coito interrotto non è una tecnica per aumentare il piacere ma dipende (all'inizio del rapporto con una nuova donna) dall'ansia di prestazione e dura qualche mese ma (per me questo non è un problema e per lei neanche). Non so perché ma al secondo tentativo raggiungo l'orgasmo....
sono terrorizzato dall'idea che quando la mia compagna ritorna (ora è lontana) possa essere soggetto ad una nuova epididimite.... :(
graie ai gentilissimi dottori

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

non ho capito bene quale sia la ragione dell'utilizzo che lei fa del coito interrotto e quindi parte del senso della sua domanda mi sfugge.

Sulla relazione stretta poi tra infiammazioni dell'epididimo ed utilizzo di questa metodica "contraccettiva", estremamemnte insicura e carica di complesse problematiche relazionali e psicologiche, non esiste in letteratura nessun dato significativo ed anche la mia esperienza clinica va in questa direzione.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#2] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
L'importante è la seconda parte della risposta; grazie egregio Dottore.
quanto al coito interrotto non lo utilizzo come contraccezione ed è anche difficile da spiegare cosa mi succede (per uno che non ha mai avuto ossessioni nevrotiche); il fatto è che all'inizio di un rapporto di stabilità sentimentale l'ansia di prestazione si maifesta con un'erezione normale ma poi la mente mi impedisce di raggiungere l'orgasmo e l'erezione viene meno; stranamente al secondo tentativo non ho problemi (dopo qualche settimana l'ossssione passa...). Con questo intendevo "coito interrotto" cioè inizio del rapporto, interruzione da ansia (diciamo così) e poi ripresa...
mi scuso ma mi risulta difficile spiegarmi (ossessività)
Cmq io non ho nessun problema alla prostata...l'epididimite non dipende da una prostatite)
grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

sul problema sessuale da le riferito, se desidera poi avere più informazioni dettagliate, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=81914

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Egregio dottore
La ringrazio intanto per il gentile consiglio; ho letto l'articolo; da buon ipocondriaco vuole che non mi sia informato? Veda, prima di tutto non è qualcosa di organico (ho l'erezione di notte e mi masturbo senza problemi)
io non credo che sia nemmeno ansia da prestazone, ma è soltanto una forma di ossessione che poi passa; per es., a volte prima di addormentarmi mi concentro sul fatto che non devo dormire e non dormo; sa, come le persone che in chiesa non sanno trattenersi dai penseri blasfemi (succedeva anche a me quando ero praticante); io ho l'erezione normalmente durante il rapporto e posso andare avanti anche per più di un'ora solo che quando si tratta di raggiungere l'orgasmo, la "mente" mi dice di non farlo (dopo un po' la raggiungo con la msturbazione); però è una questione temporanea; dopo un po' passa....
adesso il problema, è sta fissazione di avere problemi con l'epididimo quando la mia compagna ritornerà....
la ringrazio e le porgo cordiali saluti...(credo che avrò ancor bisogno di consulti....)
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

a questo punto penso che questi suoi dubbi o presunti problemi sull'epididimo possono essere chiariti solo dopo un'attenta valutazione clinica andrologica con un medico in carne ed ossa.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com