Torna a Medicitalia.it oppure fai il LogIn     

Ultimi aggiornamenti da Medicitalia:

Feed RSS Dr.ssa Vincenza De Falco

torna alle news
 

Perdite di sangue dopo i rapporti sessuali: da che dipendono?

 Ginecologia e ostetricia - News generale del 17/11/2012 - 244784 visite

“Ho avuto delle perdite di sangue dalla vagina dopo un rapporto sessuale, da che dipendono? Che cosa devo fare?”

Questa è una domanda che viene spesso posta ai ginecologi dalle pazienti e anche dalle nostre utenti di Medicitalia.

Nella maggioranza dei casi queste perdite sono dovute o alla presenza di una “piaghetta” o ectropion , o a un polipo del collo dell’utero, ma volendo andare ad analizzare tutte le possibili cause, è opportuno  valutare da dove proviene esattamente la perdita di sangue.

Caso 1: La perdita proviene dall’entrata della vagina:

In questo caso le perdite possono essere causate dalla rottura dell’imene o da suoi residui se non si tratta del primo rapporto.

Possono anche dipendere da abrasioni della mucosa vaginale che si verificano per esempio se il rapporto è stato violento, intenso , o perché la mucosa vaginale è infiammata a causa di vaginiti infettive di varia natura, vestibolite vulvare, ecc., o  perchè ci sono problemi di secchezza vaginale, dovuta per esempio a una carenza di estrogeni,  per alterazioni dovute a una scorretta igiene intima, per l’uso di contraccettivi estroprogestinici a basso dosaggio, oppure a causa di una scarsa o assente lubrificazione vaginale dovuta a mancanza di eccitazione sessuale.

Se la perdita di sangue dopo il rapporto è particolarmente abbondante ed assume una caratteristica emorragica che non tende a risolversi spontaneamente,  in genere è dovuta a una lacerazione dei tessuti vaginali che richiede quasi sempre una sutura chirurgica.

Caso 2: La perdita proviene dal collo dell’utero:

In questo caso le cause potrebbero essere:

a)  Una “piaghetta” o meglio un’ectopia o un ectropion del collo dell’utero,  che consiste in un’eversione, uno spostamento verso l’esterno della mucosa endocervicale, cioè quella che normalmente è posizionata all’interno del canale del collo dell’utero.

Questa mucosa può essere particolarmente “fragile” e può facilmente andare incontro a processi infiammatori, e a volte il trauma del rapporto sessuale può determinare delle lesioni e quindi la comparsa del sanguinamento

b) Un polipo del collo dell’utero, una neoformazione in genere benigna e riccamente vascolarizzata che in occasione del trauma meccanico del rapporto può dare sanguinamento

c)  Lesioni precancerose o tumori del collo dell’utero, spesso correlato a un’infezione virale da HPV

Caso 3: La perdita proviene dall’interno dell’utero:

In questo caso le perdite possono essere dovute o a problemi di natura organica come polipi endometriali (presenti cioè all’interno dell’utero), a ispessimenti o iperplasia dell’endometrio (la mucosa che riveste l’interno dell’utero), o fibromi uterini, o tumori dell’endometrio.

Può dipendere però anche da cause di natura ormonale, dovute per esempio ad alterazioni della tiroide, del surrene, aumento della prolattina, ovaio microcistico, ecc., oppure perché si stanno assumendo contraccettivi ormonali (pillola o cerotto per esempio) e si verificano episodi di spotting dovuti o al basso dosaggio, o perché ci sono stati errori di assunzione (per es.dimenticanze).

Tenete presente però che per questo tipo di cause organiche o di natura ormonale, in genere le perdite di sangue si verificano NON SOLO dopo i rapporti sessuali, MA ANCHE AL DI FUORI DI QUESTA EVENIENZA TRA UN CICLO E L’ALTRO.

Cosa è necessario fare se si verifica la comparsa di perdite di sangue dopo un rapporto sessuale?

E’ importante tener presente che questo sintomo non va mai sottovalutato, e che quindi bisogna fare una visita ginecologica per poterne stabilire esattamente la causa.

Oltre alla visita potrà essere necessaria una colposcopia per valutare attentamente il collo dell’utero con eventuale biopsia in caso di riscontro di lesioni sospette, un pap test ed eventualmente un HPV Dna test qualora venissero rilevate alterazioni da virus HPV.

Un’ecografia pelvica sopvrapubica o transvaginale potrebbe essere utile per valutare attentamente lo stato dell’utero e delle ovaie e in caso di patologie endouterine come polipi, iperplasia o fibromi potrebbe essere necessario un approfondimento diagnostico con un isteroscopia.

Quali sono i rimedi, le terapie per questi sanguinamenti dopo i rapporti?

Le terapie ovviamente saranno diverse e specifiche a seconda della diagnosi effettuata dal ginecologo.

In caso di infezioni si procederà con terapie mirate che potranno essere a seconda del microrganismo responsabile, di vario tipo e da somministrare per via vaginale in forma di ovuli, creme, lavande, eventualmente associate anche a terapie per via orale.

In caso di secchezza vaginale, in base alla causa scatenante, si potranno prescrivere per esempio creme o gel vaginali lubrificanti e idratanti o agli estrogeni in caso di ipoestrogenismo, cambio del tipo di pillola estroprogenistica, ecc.

In caso di “piaghette” del collo dell’utero attraverso la visita e la colposcopia si valuterà se è il caso di trattarle o di tenerle solo sotto osservazione, a seconda dell’estensione, di eventuali lesioni e delle infezioni vaginali eventualmente associate.

In caso di polipi del collo dell’utero o polipi endometriali o fibromi sottomucosi, sarà necessario asportarli per via isteroscopica.

In caso di squilibri di tipo ormonale la terapia sarà diversa e specifica a seconda del tipo di alterazione ormonale.

In caso di alterazioni da infezione da HPV, le terapie saranno valutate caso per caso a seconda del tipo di lesione riscontrata.

In conclusione possiamo dire quindi che è importante non sottovalutare questo sintomo ed effettuare sempre una visita ginecologica di controllo in caso di perdite di sangue dopo i rapporti sessuali, per una diagnosi precoce e per un tipo di terapia corretto e risolutivo.

Per approfondimenti sui polipi del collo dell’utero:

http://www.medicitalia.it/minforma/Ginecologia-e-ostetricia/334/I-polipi-del-collo-dell-utero

Per approfondimenti su “piaghetta” o ectropion del collo dell’utero:

http://www.medicitalia.it/minforma/Ginecologia-e-ostetricia/1508/Piaghetta-del-collo-dell-utero-Tutto-su-Ectopia-Ectropion-e-cisti-di-Naboth

Per approfondimenti su secchezza vaginale:

http://www.medicitalia.it/minforma/Ginecologia-e-ostetricia/1504/Secchezza-vaginale-domande-e-risposte

 

 

 

 

 


Altri articoli di Dr.ssa Vincenza De Falco:

Commenti alla news:

Aggiungi commento


Clicca qui per accedere con il tuo utente oppure registrati gratuitamente per commentare.

 

L'autore ha scelto le seguenti regole per commentare questa news:
O [commenti AMMESSI da parte dei professionisti iscritti]
O [commenti AMMESSI da parte degli utenti]


 

Condizioni di utilizzo
MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento, sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il medico curante. No al fai da te: affidati sempre al tuo medico di fiducia.

Autori e copyright
Per partecipare a Medicitalia ogni professionista invia la documentazione della propria abilitazione professionale.
Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti.
E' vietata la riproduzione e la divulgazione, anche parziale, senza autorizzazione scritta.

Dichiarazione di conformità alle linee guida emanate dall'Ordine:
Il sottoscritto Dr.ssa Vincenza De Falco dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito è diramato nel rispetto delle linee guida approvate dalla FNOMCeO inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56 e 57 del Nuovo Codice di Deontologia Medica.