L’anoressia nervosa è uno dei disturbi alimentari più diffusi tra le giovani donne e negli ultimi anni la percentuale è aumentata anche nei maschi.

Una malattia ossessiva caratterizzata dal rifiuto del cibo accompagnato dal terrore di ingrassare, che nel tempo genera dei corpi scavati col pericolo di arrivare al non ritorno anche in poco tempo. Il problema si è sempre più aggravato negli ultimi anni, per una costante moda del magro da copertina, creando uno stereotipo (allargato anche alla popolazione maschile) del “più magro – più bello”; ed è per questo che si arriva ad osservare, agli eventi di moda, sfilare dei corpi scarniti e senza più massa muscolare. Eppure tutti sappiamo che lo “star bene in salute” prevede una dieta alimentare equilibrata accompagnata da una sana attività fisica che tonifichi il corpo.

Il magro da copertina e percepito dalla popolazione adolescenziale è invece una quasi totale assenza di muscolo con pelle lassa e atonica. Il peggior esempio di salute che i mass media potessero dare (senza approfondire poi come, persone così magre possano vivere, col rischio che assumino integratori non ben controllati o sostanze per tenersi in piedi durante le attività lavorative).

Plauso quindi al governo Francese che con una Legge ha provveduto a vietare il pessimo esempio di modelle eccessivamente magre in passerella, con una multa fino a 75mila euro e sei mesi di reclusione. Chissà che non sia di monito anche per altre paesi, come il nostro, affinché i nostri figli comincino ad essere tutelati anche in questo senso e la si dia il giusto peso alla prevenzione e alla salute in senso sia fisico che psichico.

 

Fonte: 

http://www.lastampa.it/2015/03/18/esteri/la-francia-vieta-alle-modelle-anoressiche-di-sfilare-SWtrZWIBxdHPf2ttTxNphM/pagina.html