Orgasmo e minzione: due evenienze in stretta correlazione

Dr. Gino Alessandro ScaleseData pubblicazione: 29 settembre 2013

Introduzione

Come è noto il cervello è in diretta connessione con le diverse aree periferiche del nostro organismo attraverso il sistema nervoso periferico. In questo caso si focalizza la attenzione sulla connessione che esiste fra il cervello e l’area Uro-genitale (quindi apparato urinario e genitale) che essendo vicine sembrano dei meccanismi regolatori in comune.

Medici affiliati alla International Society for Sexual Medicine hanno pubblicato un interessante studio in cui si sono andate a studiare le attivazioni di aree cerebrali durante una stimolazione sessuale sia nell’uomo che nella donna.

Esse sono state messe in correlazione con le aree attivate durante la minzione, mediante l’utilizzo di sofisticate apparecchiature quali la PET (Positron Emission Tomography).

Durante l’orgasmo femminile e l’eiaculazione maschile in pratica si verifica la attivazione di una regione localizzata sul lato sinistro del nostro cervello (tegmento pontino), che gli autori chiamano “Centro pelvico organo-stimolante”, associato alla attivazione di un’altra area situata però a dx (area pontina ventrolaterale) connessa con i motoneuroni del cosiddetto “Centro stimolante del pavimento pelvico”situato vicino agli organi genitali che in ultima analisi determinano le contrazioni dei muscoli del pavimento pelvico la cui contrazione ritmica determina la sensazione di piacere tipica dell’orgasmo che è più vigorosa e rapida negli uomini e meno energica ma più duratura nelle donne.

Curiosamente gli Autori hanno scoperto che alcune donne (come più o meno frequentemente accade) simulavano l’orgasmo, in tale evenienza quest’ultima area rimaneva inattiva.

Infine si è scoperto che esiste una correlazione fra le aree gestite dal “centro pelvico organo stimolante” nel senso che ad esso confluisce sia lo stimolo per la minzione che lo stimolo che attiva il riflesso orgasmico che poi viene smistato a dx (minzione) o a sinistra (orgasmo) del nostro cervello.

Da questo si comprende come sia difficile raggiungere l’orgasmo nel caso in cui subentri una improvvisa necessità di urinare o come in alcuni casi patologici possano essere attivati in contemporanea il centro del piacere associati alla necessità di urinare o evacuare.

 

Conclusioni

L’articolo dimostra quanto complesso rimane a tutt’oggi il perfetto cervello umano e quanto ci sia ancora da conoscere.

Il cervello umano: una macchina perfetta che economizza il sistema utilizzando Centri Nervosi strutturati allo stesso modo in sedi parallelamente opposte utili a gestire situazioni completamente differenti quali l’orgasmo e la minzione.

 

Sorgernte:

J Sex Med. 2013 Aug 23. doi: 10.1111/jsm.12300. [Epub ahead of print]; Pontine Control of Ejaculation and Female Orgasm. Huynh HK, Willemsen AT, Lovick TA, Holstege G. Center for Uroneurology, University Medical Center Groningen, Groningen, Netherlands.

Autore

ginoalessandroscalese
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1997 presso Università degli Studi di Bari.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 11376.

1 commenti

#1
Utente 435XXX
Utente 435XXX

Salve dottore, a me è da un po' che capita la situazione patologica da lei descritta. Durante la masturbazione, nel momento di eiaculazione percepisco la stessa sensazione dello stimolo urinario.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche Orgasmo 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati