Hiv e decadimento cognitivo: dipende dai lipidi nel sistema nervoso centrale

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 14 ottobre 2013

E’ ormai risaputo che l’infezione da HIV e la successiva terapia antiretrovirale si associano ad alcuni disturbi metabolici del sistema nervoso centrale. Possiamo credere che il livelli di alcune molecole di acidi grassi nel liquido cerebrospinale possano essere indicativi nel predire lo sviluppo di deficit cognitivi.

L’uso della terapia antiretrovirale combinata ha sicuramente ridotto la mortalità per AIDS e l’incidenza di demenza, ma non è riuscita a ridurre le forme più lievi dei disturbi neuro cognitivi correlati all’infezione dice Norman Haughey, professore associato di psichiatria alla Johns Hopkins University School of Medicine e coordinatore di uno studio su Neurology.

I disturbi cognitivi si localizzano di solito nelle “zone” della memoria e delle attività esecutive deputate ad organizzare azioni per obiettivi o spostare l’attenzione su informazioni più importanti. Chiaramente la riduzione delle funzioni cognitive e la comorbidità psichiatrica rendono meno compliante il paziente alla terapia. Alla base del danno ci sono dati obiettivi come la riduzione del volume cerebrale, danni sinaptici o perdita di sostanza bianca.

Sono stati studiati 524 campioni di liquido spinale raccolti da 291 partecipanti sieropositivi e da 30 soggetti negativi all’infezione HIV reclutati nei centri di Stati Uniti, Hawaii e Portorico. Nei soggetti HIV positivi si sono evidenziate alterazioni del metabolismo del colesterolo e un accumulo di ceramide, una molecole composta da sfingosina e acidi grassi, influenzati dalla terapia. Questa alterazione metabolica creando una sfingolipidosi (accumulo lisosomiale di grassi) può contribuire alla patogenesi delle problematiche neuro cognitive associate all HIV.

E’ sempre importante che l’Andrologo informi il proprio giovane paziente che si rivolge a lui per i classici disturbi dovuti ad uretriti e MST sulla necessità di proteggersi anche nei confronti di questa invalidante patologia infettiva

 

Fonte: A lipid storage-like disorder contributes to cognitive decline in HIV-infected subjects
Neurology 81 October 22, 2013

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche hiv 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati