Infertilità maschile e inquinamento ambientale: sempre più certezze

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 14 giugno 2020

Sebbene gli esseri umani siano esposti a miscele di sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, pochi studi hanno esaminato la loro tossicità sulla riproduzione maschile.

Si è precedentemente scoperto che l'esposizione fetale a una miscela di fitoestrogeno genisteina (GEN) e il plastificante di (2-etilesil) ftalato (DEHP) ha alterato l'espressione genica nei test dei ratti adulti.

 

L’obiettivo di questo studio  era di studiare gli effetti dell'esposizione fetale alle miscele GEN-DEHP a due dosi rilevanti per l'uomo sulla funzione testicolare e sul trascrittoma (viene definito trascrittoma la totalità degli RNA trascritti a partire da un genoma) nei ratti neonati e adulti.

 

Materiali e metodi

I ratti SD in stato di gravidanza sono stati sottoposti a gavage con veicolo, GEN o DEHP, da soli o miscelati a 0,1 e 10 mg / kg / die, dalla gestazione 14 giorni alla nascita. Fertilità, livelli di steroidi e morfologia del testicolo sono stati esaminati nei ratti neonati e adulti. I trascrittomi testicolari sono stati esaminati mediante analisi di geni e array funzionali. I geni / proteine ​​specifici delle cellule sono stati determinati mediante PCR quantitativa in tempo reale e immunoistochimica.

 

Risultati

Le miscele GEN-DEHP hanno aumentato i tassi di infertilità e testicoli anomali nei ratti adulti.

L'analisi della matrice genetica ha identificato più geni esclusivamente modificati dalle miscele rispetto ai singoli composti.

Le principali vie canoniche alterate includevano processi urogenitali / riproduttivi di sviluppo e infiammatori.

Le miscele GEN-DEHP hanno aumentato le cellule immunitarie innate e i marker dei macrofagi sia a dosi che a età, in modo più forte e coerente rispetto al solo DEHP o GEN. I geni aumentati esclusivamente dalla miscela nei testicoli adulti correlati a cellule immunitarie innate e macrofagi inclusi Kitlg, Rps6ka3 (Rsk2), Nr3c1, Nqo1, Lif, Fyn, Ptprj (Dep-1), Gpr116, Pfn2 e Ptgr1.

Questi risultati dimostrano che le miscele GEN-DEHP a dosi rilevanti per l'uomo inducono fenotipi testicolari avversi.

Il coinvolgimento di cellule immunitarie innate come i macrofagi suggerisce risposte infiammatorie immediate e ritardate che possono contribuire alla disfunzione testicolare.

Inoltre, questi effetti sono complessi e probabilmente implicano interazioni multiple tra tipi di cellule testicolari immunitarie e non immuni che comporteranno ulteriori studi.

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche infertilita 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati