La masturbazione reciproca trasmette malattie sessuali?

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 24 marzo 2014

E' una domanda che viene effettuata spessissimo in medicitalia.it e - negli anni - ho potuto rilevare come fra i quesiti dedicati alla malattie sessualmente trasmissibili, questa sia senza dubbio, quello più ricca di particolari e di sfumature.

Probabilmente ciò accade, poichè non esiste ancora una parola chiara su questo tipo di rapporto sessuale, il quale molto frequentemente precede o accompagna la ritualità di un'ulteriore tipologia di rapporto sessuale.

In buona sostanza e surrogando la principale "vexata quaestio" gli utenti ci chiedono primariamente se il contatto con le mani possa fungere da veicolo infettante (mediante secrezioni o sangue) per il virus HIV o altri agenti virali e batterici.

Ecco pertanto una parola che auspichiamo chiara, sull'HIV:

tale tipo di contatto sessuale, in linea generale, non è assolutamente considerabile un rapporto a rischio HIV.

Ancora e sempre in ambito preventivo, il medesimo rapporto non è considerabile a rischio per Sifilide e per Herpes genitalis. 

Difatti la labilità del Virus HIV e del Treponema pallidum della Sifilide oltrechè dei Virus herpetici è tale da rendere praticamente impossibile, la permanenza del potere infettante di questi microrganismi, al contatto con l'aria.

Per altri agenti infettivi (in primo luogo, condilomatosi, molluschi contagiosi, gonorrea) il rischio infettivo è comunque molto basso, sebbene non calcolabile.

Al contrario, il rischio è da considerarsi come medio alto per contaminazioni batteriche, soprattutto a carico di coli fecali (escherichia coli - enteroccoccus faecalis in primis), molto spesso causa di balanopostiti e vulvo-vaginiti.

Nella speranza che tale news possa essere utile per chi cerca una risposta, nelle pur tante sfumature di questa tipologia di richiesta.

Per ulteriori dubbi è sempre bene contattare direttamente lo specialista delle Malattie sessualmente trasmissibili, quale il Venereologo.

 

Approfondimenti:

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

14 commenti

#1
Utente 151XXX
Utente 151XXX

Buongiorno Dottore, ho bisogno di un consiglio in merito a quanto mi è successo: mi sono recato per un massaggio presso una professionista (mi sentivo solo e depresso e avevo il bisogno di qualcuno che mi facesse sentire di prendersi cura di me). Purtroppo la cosa non è andata esattamente così, ed credo di aver fatto un errore. Questa persona mi ha dapprima praticato un normalissimo massaggio (schiena, gambe, braccia etc.), sul finire mi ha chiesto se volevo un "massaggio completo"; il quel momento mi sono sentito di accettare. Mentre mi stava masturbando manualmentre si è avvicinata con la bocca e ha fatto come per iniziare un rapporto orale. L''ho fermata immediatamente perchè non volevo, anzi ero incerto su tutta la situzione, ma sono sicuro che può esserci stato un brevissimo contatto per qualche secondo o frazione di secondo tra le sue labbra o bocca con il mio glande. Parliamo di attimi perchè l'ho allontanata immediatamente, ma sono quasi certo che un contatti lievissimo può esserci stato. Successivamentre ha continuato la masturbazione manuale fino all'eiaculazione e la cosa è finita lì. Adesso sono molto preoccupato di potermi essere messo a rischio trasmissione di una MST. Quali esami mi consiglia di effettuare e quando? Come mi suggerisce di comportarmi nei prossimi mesi / settimane per controbbattere immediatamente l'insorgenza di qualunque malattia correlata all'evento? Dopo questa esperienza che mi ha ulteriormente depresso e che non ripeterò più (lo scrivo nella speranza che altri leggendo non ripetano il mio errore), mi sono poi lavato minuziosamente per un'ora ovunque con acqua molto calda nella speranza di poter debellare eventuali batteri. Ho fatto bene, può essere servito a qualcosa? Potrei aver contratto qualche MST anche solo per il massaggio con le mani sul corpo e sulle mie parti intime? Attendo una sua risposta e ringrazio anticipatamente per i consigli.

#2
Dr. Luigi Laino
Dr. Luigi Laino

Gentile utente

Direi che escluso la teoria i rischi MST siano veramente molto molto bassi e relegati al contatto orale.
Se permangono dubbi o insorgono lesioni (macchie rosse persistenti, papule, erosioni, vescicole) si rechi subito dallo specialista venereologo.
Cari saluti

#3
Utente 151XXX
Utente 151XXX

Grazie Dottore della sua risposta. Il contatto orale è stato una sorta di sfioramento di un attimo, dal momento che ho immediatamente allontanato la persona appena mi sono reso conto dell'intenzione. Ritiene che questa dinamica possa comportare una possibile MTS per via orale? Non devo fare esami o già una visita, ma aspettare che insorgano eventuali problemi visibili? Al momento non ho nulla. Dopo quanto tempo trascorso (in base ai vari periodi di incubazione delle MTS) posso considerare che è stata solo una brutta esperienza e non preoccuparmi più? Scusi tanto per le ulteriori domande. Ringrazio per le risposte chiare che saprà darmi.

#4
Dr. Luigi Laino
Dr. Luigi Laino

La fugacità non è un parametro oggettivo, pertanto non è possibile computarlo.
I rischi come dicevo permangono generalmente molto bassi ma più che attendere nell'ansia sarebbe meglio ascoltare un parere diretto di un suo medico di fiducia.
Saluti

#5
Utente 358XXX
Utente 358XXX

Gentile dottore avrei bisogno un chiarimento in merito a questa news che ho letto sembra un caso simile avvenuto a me recentemente .Infatti sono disperato ed avrei bisogno di un consulto immediato.
Sono un ragazzo di 20 anni che ha avuto un primo approcio molto easy "sessuale". Sono andato con una ragazza di facili costumi quasi una prostituta.
Le descrivo la modalità:
.- io seduto al sedile guidatore la ragazza seduta vicino al sedile di fianco
- mi ha praticato una masturbazione nel senso una volgare sega. Non ha mai avvicinato la bocca al mio pene né le sue parti intime, né l'ano.
- io con lamano destra ho toccato le sue parti intime nel senso ho toccato la sua vagina. Non mi sembra di essere andato in profondità, solo superficiale. Era la prima volta che toccavo una vagina. Lei ha sempre indossato la gonna e le mutande.
-quando sono andato a casa ho lavato il pene e la mano con acqua e sapone
Ho questi dubbi.
-il mio pene ho visto dopo forse presentata piccola abrasione, puntino rosso, mai uscito sangue
- la mano con cui toccato le sue parti intime forse presenta piccole abrasioni (piccolo puntino rosso) poichè mastico la pellicina vicino alle unghie In quel momento comunque non usciva sangue, forse quando prima ho masticato la pellicina al massimo 1 goccia. Inoltre non mi sembra di essere andato in profondità nella vagina con la mano però non mi ricordo, ricordi confusi.
-Ho il seguente dubbio ho possibilità anche minima di aver preso HIV?
-Sono passati 3 giorni dall'evento posso ancora fare una terapia antivirale?
-Se vado in centro di malattie di trasmissione per analisi per HIv di cui ho molta paura perché si può morire, posso già fare il test HIV? solo do po quanto tempo si può fare? una terapia antivirale ripeto? ringrazio i dottori che risponderanno al mio quesito. Sono disperato. Ho paura.

#6
Dr. Luigi Laino
Dr. Luigi Laino

Solo fobie. Stia sereno per HIV non ci sono rischi!
Cari saluti

#7
Utente 373XXX
Utente 373XXX

Salve dottore, circa 40 giorni fa sono stato masturbato da un partner occasionale di cui non conosco lo stato di salute. Sono stato masturbato solo io quindi non è una masturbazione reciproca. l'unico contatto è avvenuto tra il mio pene e la sua mano. Era buio e non ho controllato le mani della persona in questione. Ho paura di aver contratto la sifilide, perchè con il pene ho sentito qualcosa di ruvido nelle mani (ma li per li non ci ho pensato, credendo che fosse una reazione di eccessiva sensibilità del pene dovuta all'eiaculazione e al protrarsi della masturbazione).Successivamente ho avuto una prostatite e per due settimane ho preso l'anitbiotico ciproxin 1000 mg e supposte di topster, potrebbero aver compromesso la comparsa dei sintomi della sifilide "decapitandola"? Secondo lei ho corso un rischio per la sifilide? devo fare il test a 40gg? E ho letto su internet che chi prende la sifilide molto probabilmente contrae pure l'HIV perchè spesso viaggiano insieme, devo fare anche l'esame hiv?
Grazie anticipate
spero risponda, ho letto molti dei suoi articoli e la ritengo una persona davvero esperta in questo campo, quindi un suo parere mi tranquillizzerebbe almeno un pò.

#8
Dr. Luigi Laino
Dr. Luigi Laino

Se si eccettua un rischio solo teorico in caso di presenza di sìfiloderma Papuloso del palmo delle mani direi che non può assolutamente essere considerato nel computo di una malattia sessualmente trasmissibile come la sifilide: questo in termini statisticamente percentuali.
Per i saluti

#9
Utente 414XXX
Utente 414XXX

Buonasera, vi chiedo un consulto ed una rassicurazione, nella mia vita non ho mai avuto rapporti a rischio ne con prostitute. Circa 45-50 giorni fa mi trovavo in un centro massaggi e alla fine del massaggio mi sono lasciato masturbare...probabilmente a causa di un periodo di forte ed intenso stress. Al termine dell'atto ho avuto addosso un senso di sporco, proprio perchè non sono dedito a questo tipo di comportamenti, quindi immediatamente ho "pulito" la zona con abbondante amuchina. Nei giorni successivi preso dall'ansia ho fatto caso a 3 puntini rossi sul glande, premetto che sono circonciso, veramente piccoli che forse potevano esserci già da prima non lo saprei dire. Preso dall'ansia mst e soprattutto sifilide ho effettuato il test sifilide, hiv, hcv e hbv 3 giorni fa e sto attendendo l'esito. Sulle mani che mi hanno massaggiato anche il resto del corpo non ho avvertito ne visto lesioni, ma si sa la paura e l'ansia la fanno da padrone...quanto mi devo preoccupare?? Chiaramente da quel giorno non ho fatto sesso per sicurezza. Grazie mille per l'aiuto che vorrete darmi!

#10
Utente 428XXX
Utente 428XXX

Gentile Dottore,
ieri ho ricevuto un rapporto orale protetto da una prostituta di colore di cui ovviamente non conosco il suo stato sierologico. Fin qui tutto ok, ma oggi mi sono ricordato che il preservativo a fine rapporto l'ho levato io e quindi l'ho toccato praticamente leccato e umido della sua bava sporcandomi anche io della sua bava. Non ricordo se io abbia poi messo le mie dita in bocca, e nel caso, è ragionevole plausibile pensare che con le mani sporche della bava di una persona si possa trasmettere qualche MST, come l'Hiv?.
Cordiali saluti.

#11
Utente 439XXX
Utente 439XXX

salve dottore vorrei sapere se si prende una malattia(sessuale)quando abbiamo il pene sporcopieno di nero ecc... attendo una sua risposta e la ringrazio

#12
Utente 439XXX
Utente 439XXX

nero,intendo pieno sporchissimo

#13
Utente 492XXX
Utente 492XXX

Io sono un ragazzo di 17 anni ed anche a me è capitato di avere un rapporto di masturbazione con una ragazza la quale mesi addietro è stata con una ragazza più grande(è bisex) che non frequentava begli ambienti. Dopo il rapporto ho lasciato passare una decina/quindicina di minuti prima di lavarmi le mani, e per sbaglio ho avvicinato le mani alla bocca. È possibile che sia a rischio?

#14
Utente 510XXX
Utente 510XXX

Grazie Dottore per le precisazioni, danno più sicurezza in un rapporto di questo tipo.
Personalmente ritengo che praticare la masturbazione reciproca sia una cosa bellissima. Ovviamente la partner o il partner con cui facciamo tale esperienza dovrebbe idealmente essere una persona che conosciamo abbastanza bene da averne fiducia. Questo non solo per un discorso di igiene al fine di non incorrere in rischi e preoccupazioni: dovrebbe essere un momento speciale dove scambiarsi reciproco affetto e un'opportunità per conoscersi meglio intimamente oltre che provare piacere...

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche masturbazione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati