E' una domanda che mi viene spesso posta nei consulti e nelle Visite Venereologiche:

Possono i cosiddetti "preliminari" costituire una fonte di rischio per un contagio di Malattie sessualmente trasmissibili?

La risposta è SI. Ma con le dovute eccezioni

Al fine di far chiarezza su queste procedure e per evitare falsi miti e inutili ansie vediamo quindi segnatamente quali possono essere le situazioni a rischio più classiche e quali non costituiscono allarme:

Anzitutto, è necessario chiarire una cosa fondamentale:

il Sesso orale, sia passivo che attivo, sia nella donna che nell'uomo, NON è un preliminare ma un atto sessuale vero e proprio.

Sembrerà strano ma alcuni pazienti ritengono che questo atto sia scevro da rischi, mentre esso stesso costituisce una primaria fonte di contagio per le Malattie Sessualmente Trasmissibili non HIV 

Abbiamo chiarito in un decologo, tutti i rischi collegati alla pratica del sesso orale non protetto da dispositivo profilattico:

https://www.medicitalia.it/blog/dermatologia-e-venereologia/1330-decalogo-prevenzione-rapporto-sessuale-orale-protetto-terrore.html

e rimandiamo alla lettura in caso di ulteriori dubbi.

In sostanza prima di elencare brevemente in principali fattori di contagio attraverso i preliminari è bene chiarire sostanzialmente che qualsiasi atto sessuale promiscuo (ovvero con soggetti di cui non si conosce lo stato sierologico e le abitudini sessuali) anche preliminare, dovrebbe essere sempre protetto da dispositivo profilattico.

Quali sono quindi i principali preliminari da considerare a rischio MST?

vediamone alcuni:

- contatto fra genitali: anche senza penetrazione, il contatto fra genitali può essere vicariante una malattia sessualmente trasmissibile

- contatto genitali-mucose orali: anche senza un vero rapporto orale, lo sfregamento o il semplice contatto genitali-mucose orali o semimucose orali (labbra ad esempio) può essere potenziale fonte di contagio

- contatto genitali-mucose oculari: anche questo contatto, essendo l'occhio protetto da film idrolipidici e sensibilissime membrane mucosali congiuntivali e corneali può essere veicolo di trasmissione

- ingestione di liquidi seminali, pre-eiaculatori, vaginali: l'ingestione o anche la permanenza nel cavo orale di queste sostanze può essere veicolo di infezioni sessualmente trasmissibili

- contatto di liquindi seminali, pre-eiaculatori, vaginali con membrane oculari

contatto di liquindi seminali, pre-eiaculatori, vaginali con genitali

 

Le principali malattie trasmissibili con queste metodiche:

 

- gonorrea

- sifilide

- herpes simplex o genitalis

- molluschi contagiosi

- Papilloma Virus (HPV)

- ulcera venerea molle

 

Vediamo anche cosa non è a rischio MST o non lo è generalmente:

- contatto fra epiteli cheratinizzati: il contatto del corpo con la mano o con altre parti di epitelio non mucosale, non comporta generalmente rischi MST eccettuato i rari casi di sifilide secondaria (sifiloderma roseolico e papuloso), il quale si rappresenta su tutto il corpo.

Aggiornermo questo post anche in base alle vostre richieste e osservazoni

 

Dr Luigi Laino, Venereologo